Le vite spezzate di Carlo e Valentina  

Scritto da il 24 agosto 2018

Le vite spezzate di Carlo e Valentina

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 25/08/2018 13:53

Erano inseparabili, sempre insieme. Uniti nella passione per la vita, per i viaggi e per l’arte. Ma anche nel dolore, per i gravi lutti subiti. Poi quell’escursione in Calabria dove il destino ha voluto che trovassero la morte. Carlo Maurici, 35 anni, e Valentina Venditti, 34 anni, sono due delle 10 vittime travolte dal torrente Raganello, nel parco del Pollino, il 20 agosto scorso. Street artist lui, fotografa lei – come riferisce ‘Il Corriere della Sera’ – avevano condiviso tutto per 12 anni. Fino a quel viaggio nel sud Italia che ha spezzato le loro vite.

Ieri l’ultimo saluto di amici e parenti nella chiesa dei santi Marcellino e Pietro a Torpignattara, quartiere della Capitale in cui rimangono impressi i coloratissimi murales di Carlo, in arte ‘Gesta Future’. Tra questi spicca uno in particolare, quello che, proprio davanti la chiesa delle sue esequie, contiene un messaggio quanto mai attuale: “Restiamo umani“.

“Partivamo di notte e giravamo la città con il rischio di farci prendere. Ma tu non hai mai tradito i tuoi sogni, hai sempre seguito i tuoi progetti, le tue speranze”, racconta l’amico Johnatan, come riporta il ‘Corriere della Sera’, ricordando “quelle notti trascorse a colorare di vita Roma”. Parole strazianti cui fanno seguito quelle dell’amica d’infanzia di Valentina, Emanuela. “Eri la bambina più coraggiosa: è assurdo morire così“, si sfoga, sottolineando come “se ci sono responsabilità delle istituzioni” queste devono essere accertate.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background