Sgarbi si dimette da sindaco di Sutri  

Scritto da il 24 agosto 2018

Sgarbi si dimette da sindaco di Sutri

(Fotogramma)

Pubblicato il: 25/08/2018 15:36

Vittorio Sgarbi non sarà più sindaco di Sutri (Viterbo). “Ho scelto di candidarmi sindaco di Sirmione – annuncia in una nota postata sul suo profilo Facebook -, città che ha bellezze non inferiori a Sutri, ma una reale propensione allo sviluppo culturale e turistico”. “Le mie dimissioni da sindaco di Sutri – spiega – sono irrevocabili per la piena consapevolezza della impossibilità di potere governare democraticamente in un paese dominato da infiltrazioni fasciste con arroganza e in mancanza di visione, subordinata a interessi particolari”.

Sgarbi fa poi sapere di aver già “preso contatto con gli esponenti politici” di Sirmione, piccolo gioiello bresciano sulle sponde del lago di Garda, “fra i quali l’ex sindaco, ora consigliere regionale, Alessandro Martinzoli, e l’assessore alla cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, che – scrive – mi hanno manifestato solidarietà per l’aggressione di Sutri e disponibilità per il nuovo progetto”.

L’annuncio sui social delle dimissioni di Sgarbi non è piaciuto invece a Viviana Beccalossi, ex assessore regionale della Lombardia e oggi consigliere del Gruppo Misto in Regione. “Fare il sindaco è una cosa seria e i Comuni non sono tram sui quali salire e scendere a proprio piacimento. Proprio per questo – sottolinea – trovo quantomeno inopportuna la possibile candidatura di Vittorio Sgarbi a Sirmione, uno dei centri più importanti della Provincia di Brescia e perla del turismo lombardo, ai cui cittadini serve un punto di riferimento da incontrare per strada e non da guardare in tv”, afferma in una nota la politica bresciana. “Le istituzioni vanno rispettate sempre e non possono essere utilizzate per farsi pubblicità”.

Dura la risposta di Sgarbi. “Aggredito da un fascista dichiarato a Sutri vengo respinto – dice il critico d’arte – da una fascista semi-pentita, direi mista, a Sirmione. Viviana Beccalossi, nota per avere fatto poco di memorabile, si permette di farmi la predica ignorando gran parte di quello che ho fatto e fingendo di non ricordare le mie innumerevoli iniziative come assessore a Milano. Decide lei – continua – che la mia candidatura è inopportuna, attaccandosi al tram, e non sapendo, per esempio, che a Sirmione, a me si deve l’accordo Stato-amministrazione comunale per la Rocca scaligera, con piena soddisfazione delle parti, fra cui l’amico ex sindaco Mattinzoli (oggi assessore regionale in Lombardia, ndr) e il soprintendente L’Occaso; così come il lancio e le numerose mostre per il Musa di Salò”.

Se Sgarbi dovesse essere eletto a Sirmione diventerebbe sindaco per la quarta volta. Il critico d’arte, infatti, prima dell’esperienza a Sutri, è stato primo cittadino di Salemi dal 2008 al 2012 e, ancora più indietro negli anni, di San Severino Marche dal 1992 al 1993.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background