Paura a Roma, crolla tetto di chiesa in centro  

Scritto da il 29 agosto 2018

Paura a Roma, crolla tetto di chiesa in centro

Pubblicato il: 30/08/2018 15:39

Tragedia sfiorata al Foro romano, dove ha ceduto la volta della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami in Clivo Argentario (VIDEO). Sul posto i carabinieri del Comando Piazza Venezia, che hanno chiamato anche Vigili del Fuoco e 118. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito fortunatamente, perché, come ha riferito il parroco ai militari intervenuti, la chiesa era chiusa nel momento in cui la volta è crollata. Una prima informativa dei vigili del fuoco è attesa a piazzale Clodio. Una volta avvenuto il deposito sul crollo che si verificato questo pomeriggio verrà aperto un fascicolo e si valuterà l’ipotesi di reato. Non si esclude che possa essere quella di crollo colposo.

Il ministro per i Beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, “sta seguendo la vicenda del crollo del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami al Foro Romano, in Roma ed è costantemente in contatto con il Segretario Generale, Giovanni Panebianco, che sta coordinando le unità del Mibac per far fronte all’emergenza. Non si registrano feriti, ma con il crollo è andato perso il soffitto a cassettoni della Chiesa”, lo riferisce il Mibac stesso in una nota. “Tutta la struttura del dicastero – prosegue il testo – con i tecnici specializzati, gli archeologi, gli architetti, gli storici dell’arte, i restauratori, si è immediatamente attivata. È infatti subito intervenuto personale della Soprintendenza speciale di Roma, del Parco archeologico del Colosseo e i Carabinieri del Nucleo Tutela”.

“La chiesa di San Giuseppe dei Falegnami è proprietà del Vicariato di Roma che ne ha la custodia. Al Mibac competono le funzioni di tutela. È stata inoltre tempestivamente attivata, tramite l’Istituto centrale per il catalogo, la raccolta di dati circa le opere d’arte contenute nella Chiesa. Dalle prime informazioni acquisite, sembrerebbe che la preziosa tela seicentesca di Carlo Maratta non avrebbe subito danni. Sul posto si sta recando anche il Sottosegretario Gianluca Vacca”, conclude il Mibac.

Il crollo del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, dice Sandro Simoncini, docente di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA, “si configura come una nuova ferita nell’anima di una città in affanno, avvilita, ripiegata su sé stessa. Da un lato si deve tirare un sospiro di sollievo per l’assenza di vittime, ma dall’altra parte non si può non rilevare la valenza anche simbolica di questo evento, accaduto nel cuore di Roma, a due passi da Campidoglio e Colosseo, in pieno Foro Romano”. “Si tratta di una chiesa che ha una valenza storica, archeologica e culturale importantissima: sorge proprio sopra il carcere Mamertino, in cui sarebbero stati rinchiusi anche San Pietro e San Paolo, e i romani la sentono particolarmente loro perché la vivono e vi si celebrano matrimoni tre giorni alla settimana. Data l’importanza dell’edificio – aggiunge – risulta davvero difficile giustificare un simile evento, anche in considerazione del fatto che ci sono ben tre enti chiamati a vigilare sulla sua integrità: la confraternita di San Giuseppe dei Falegnami, che risulta proprietaria dell’edificio e che fa capo al Vicariato; la Soprintendenza del ministero dei Beni Culturali, a cui è affidata la manutenzione; il Parco archeologico del Colosseo, che cura lo stato di salute del carcere Mamertino”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background