Attacco Tripoli, “obiettivo era ambasciata italiana” 

Scritto da il 31 agosto 2018

Libia, non regge la tregua

Foto di repertorio (AFp)

Pubblicato il: 01/09/2018 16:04

Non regge il cessate il fuoco nella zona sud di Tripoli. Secondo quanto scrive su Twitter ‘Libya Observer’, i gruppi in conflitto hanno rotto la tregua lanciando “colpi di mortaio” in modo indiscriminato su diversi quartieri della capitale” libica. Tra questi uno ha colpito anche stamattina l’Hotel Waddan, poco distante dalla sede dell’Ambasciata italiana a Tripoli, in Libia. Lo ha riferito il sito d’informazione ‘Libya Observer’, che parla di un bilancio di tre feriti. Fonti diplomatiche hanno spiegato che l’ambasciata non è stata coinvolta nell’attacco e che il personale diplomatico italiano è illeso.

Sporadici scontri a fuoco e lanci di razzi hanno spinto le autorità libiche a chiudere per 48 ore l’aeroporto internazionale di Mitiga, a Tripoli, e a dirottare i voli sullo scalo di Misurata. Lo ha riferito il sito d’informazione ‘Libya Herald’, precisando che il provvedimento è entrato in vigore ieri dopo che gli scontri tra le milizie, inizialmente limitati alla zona sud della capitale, hanno interessato altre aree di Tripoli. Secondo le autorità locali, almeno 16 razzi sono caduti nei quartieri di Arada, Girgarish, Ghoat Shaal, Siyahia, Wadi Rabea, Furnaj, Sug Juma e Mitiga.

“I governi di Francia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti condannano fermamente la continua escalation di violenza a Tripoli e nei suoi dintorni, che ha causato molte vittime e che continua a mettere in pericolo la vita di civili innocenti. Ribadiamo che il Diritto Internazionale Umanitario vieta di colpire la popolazione civile e di sferrare attacchi indiscriminati”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla Farnesina in merito agli scontri degli ultimi giorni nella capitale libica. “Questi tentativi di indebolire le legittime autorità libiche e ostacolare il corso del processo politico sono inaccettabili – prosegue la nota – Esortiamo tutti i gruppi armati a cessare immediatamente ogni azione militare e avvertiamo coloro che compromettono la sicurezza a Tripoli o altrove in Libia, che saranno ritenuti responsabili di tali azioni”. “Riaffermiamo il nostro forte e costante sostegno al piano d’azione delle Nazioni Unite, come ricordato dal Presidente del Consiglio di Sicurezza il 6 giugno e dal Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite Ghassan Salamé il 16 luglio – si conclude la nota -. Invitiamo tutte le parti ad astenersi da qualsiasi azione che possa mettere in pericolo il quadro politico stabilito con la mediazione dell’Onu, e pienamente sostenuto dalla comunità internazionale”.

Il comunicato congiunto di Italia, Francia, Regno Unito e Usa segue l’escalation di violenza che in una settimana ha provocato 39 morti e oltre 100 feriti a Tripoli.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background