“Se Lega cambia nome, stop a sequestri” 

Scritto da il 1 settembre 2018

“Se Lega cambia nome, stop a sequestri”

Foto di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 02/09/2018 11:05

Con la chiusura della Lega e la creazione di un nuovo partito finirebbe per il Carroccio l’incubo del sequestro continuo dei suoi fondi, fino al totale di 49 milioni di euro, per rimborsare lo Stato del danno derivante dalla truffa sui rimborsi elettorali dal 2008 al 2010, che ha portato alla condanna in primo grado di Umberto Bossi. Lo afferma, in estrema sintesi, il capo della Procura della Repubblica di Genova, Francesco Cozzi, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’. Mercoledì prossimo il Tribunale del Riesame di Genova dovrebbe pronunciarsi sull’indicazione della Cassazione secondo la quale si possono confiscare anche le entrate successive al periodo in cui è stata perpetrata la truffa.

Se il tribunale genovese sottoscrivesse la posizione della Cassazione “Si procederà con i sequestri fino a quando ci saranno somme disponibili sui conti della Lega”, dice Cozzi ma spiega poi: “Di fronte a un nuovo soggetto giuridico completamente autonomo, non potremmo fare nulla rispetto ai versamenti futuri. Anche se il neonato partito è erede del precedente dal punto di vista ideologico e politico. Bisogna sempre valutare la continuità giuridica per procedere e in questo caso salterebbe“.

Inoltre il Procuratore capo di Genova sottolinea che “non è peregrina” l’idea di “versare nelle casse (della Lega, ndr) qualcosa che non sia denaro o il reimpiego diretto di somme di denaro. Mi spiego, se lei domani porta quattro lingotti d’oro alla Lega che sono ab origine una donazione di cose diverse, io non posso sequestrarli. Se però mette dei soldi posso acchiapparli”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background