Taser, come funziona  

Scritto da il 1 settembre 2018

Taser, come funziona

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 02/09/2018 09:12

Thomas A. Swift’s Electronic Rifle, in breve taser. Da mercoledì prossimo arriverà anche in Italia: per ora sarà a disposizione delle forze dell’ordine in 12 città. Ma come funziona?

Il dispositivo usa l’elettricità per immobilizzare il soggetto colpito, facendone contrarre i muscoli e provocando quindi dolorosi spasmi. Una volta azionato, il taser ‘lancia’ due piccoli aghi legati da fili elettrici al dispositivo che, a contatto con il soggetto, trasferiscono una scarica ad alta tensione in brevi impulsi. Classificato tra le armi da difesa ‘meno che letali’, il dissuasore elettrico è stato tuttavia inserito dall’Onu nella lista degli strumenti di tortura, mentre secondo Amnesty International negli Usa l’arma sarebbe responsabile di centinaia di morti.

Il taser è dotato di una memory card che registra la data, l’ora e il numero dei colpi sparati. Gli aghi sparati (quello superiore colpisce il luogo puntato dalla pistola, quello inferiore un po’ più in basso) non devono penetrare negli abiti per agire. Il raggio d’azione è di poco meno di 7 metri.

Per la legge italiana il taser è considerato arma comune, e non arma da fuoco, e teoricamente potrebbe essere venduto in armeria per essere tenuto in casa a scopo di difesa personale. Tuttavia, trattandosi di un prodotto d’importazione – non sono infatti ancora presenti in Italia fabbriche che ne producano esemplari -, il taser attualmente necessita di particolari licenze per essere importato e il suo possesso è consentito solo a quanti possiedano anche un porto d’armi. Il dispositivo, inoltre, non può essere trasportato per alcun motivo.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background