Mostra Venezia: Gitai, il mio diario da Gerusalemme contro cinema omogeneo  

Scritto da il 2 settembre 2018

Gitai racconta Gerusalemme contro il cinema nazionalista e omogeneo

Pubblicato il: 03/09/2018 17:55

“Il cinema deve parlare della realtà, delle difficoltà. I registi non possono permettersi di divorziare dalla realtà quotidiana. Io faccio una sorta di diario da 40 anni della realtà di Gerusalemme. Perché io sono contro il cinema nazionalista e omogeneo. L’umanità è un’esperienza mista ed è importante che questo si veda sullo schermo”. Così il regista israeliano Amos Gitai ha parlato dei suoi due nuovi lavori sul Medio Oriente, ‘A Tramway in Jerusalem’ e ‘Letter to a Friend in Gaza’, presentati fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia. “A Tramway in Jerusalem – ha spiegato Gitai – è più quello una descrizione di quello che potrebbero essere i rapporti a Gerusalemme una volta che ci sarà meno conflitto e meno ostilità. Dopo aver finito questo film però, abbiamo deciso di fare un corto, più drammatico ‘Letter to a friend’, per parlare di come è per ora la realtà. Perché purtroppo il Medio Oriente non smette di produrre eventi drammatici”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background