Ddl ‘Spazza corrotti’, le misure 

Scritto da il 6 settembre 2018

Ddl 'Spazza corrotti', le misure

(Fotogramma)

Pubblicato il: 07/09/2018 07:36

Il Daspo per i corrotti e la possibilità di utilizzare anche per i reati contro la pubblica amministrazione l’agente sotto copertura. Sono i due punti principali introdotti dal disegno di legge contenente misure per il contrasto alla corruzione, battezzato come “Spazza corrotti”, approvato ieri dal Consiglio dei ministri.

Il Daspo, una delle misure-bandiera del Movimento 5 Stelle, prevede l’esclusione a partecipare ad appalti con la pubblica amministrazione per chi ha una condanna per reati di corruzione superiore a due anni Nel caso di condanne inferiori, la durata del daspo va da 5 a 7 anni. Non è previsto nessuno sconto automatico a chi patteggia o ottiene la condizionale. Più difficile anche l’accesso ai benefici, come per i reati di mafia.

L’agente sotto copertura, previsto nelle indagini per mafia e terrorismo, è esteso a quelle per i reati contro la Pa. Saranno esponenti delle forze dell’ordine che agiranno dove emerge un sospetto di corruzione. Il disegno di legge prevede poi la possibilità di ‘pentirsi’ per chi denuncia volontariamente fatti di corruzione e collabora entro 6 mesi dai fatti e prima che questi siano oggetto di indagine. Le informazioni fornite devono essere utili alle indagini e deve essere esclusa la premeditazione. Entro 6 mesi deve avvenire inoltre la restituzione del maltolto. Infine è introdotta la procedibilità d’ufficio, e non a querela di parte, per la corruzione tra privati e l’appropriazione indebita aggravata.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background