Clara, l’avvoltoio ucciso a fucilate  

Scritto da il 11 settembre 2018

Clara, l'avvoltoio ucciso a fucilate

Foto dalla pagina Facebook del Centro Rapaci Minacciati

Pubblicato il: 12/09/2018 20:17

Il suo primo volo libero è stato anche l’ultimo. Clara, giovane esemplare femmina di avvoltoio capovaccaio, è stata uccisa a fucilate a 10 chilometri a nord-ovest di Mazara del Vallo nel trapanese. A denunciarlo il Centro Rapaci Minacciati (Cerm) in un post su Facebook che racconta come il rarissimo esemplare stesse cercando di migrare insieme a un altro. “Bianca e Clara – due femmine di avvoltoio capovaccaio con Gps/Gsm, seguite dai ricercatori dell’Ispra e del Cerm nell’ambito del progetto ‘Life’ per reintrodurli in Italia – erano partite entrambe il 3 settembre dall’area di rilascio, la Murgia materana, per la migrazione verso l’Africa sub-sahariana ed erano arrivate nella Sicilia occidentale. Da lì avrebbero dovuto ‘saltare’ in Tunisia” ma Clara, purtroppo, non ce l’ha fatta.

Su quanto accaduto è intervenuto anche il ministro dell’ambiente Sergio Costa. ”Una stupida fucilata – denuncia – ha interrotto il viaggio della speranza di una specie così minacciata come il capovaccaio, presente in Italia con pochissime coppie nidificanti”. Si tratta, spiega Costa, “di un gesto vigliacco e inqualificabile che ha messo a rischio anche l’efficacia di un progetto di conservazione molto qualificato. Dobbiamo fermare il bracconaggio attraverso l’inasprimento delle pene, rendendole efficaci e certe, perché non è pensabile che il nostro Paese sia ai primi posti per uccisioni illegali di fauna selvatica”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background