Camilla fa piangere Asia e Mara  

Scritto da il 13 settembre 2018

Camilla fa piangere Asia e Mara

(fermo immagine da video X Factor/Twitter)

Pubblicato il: 14/09/2018 13:47

Camilla canta Dalla. E bastano poche note per far scendere le lacrime a Mara Maionchi e Asia Argento, che non hanno dubbi: la ragazza ha l’X Factor. Emozione e talento ieri si sono alternati nel secondo appuntamento del talent prodotto da Fremantle e condotto da Alessandro Cattelan. La prima standing ovation è tutta per l’apprezzatissima performance di Camilla Musso, sedicenne di Asti che grazie alle note di ‘La Notte dei Miracoli’ di Lucio Dalla ottiene quattro ‘sì dai giudici.

Seguono Luna Melis, anche lei sedicenne, con ‘Bang Bang’ di Dua Lipa, e Leonardo Parmeggiani, 19 anni da Monteveglio (Bologna ) che con ‘Fly me to the Moon’ di Frank Sinatra hanno il consenso – e la standing ovation – del pubblico. Ottima esibizione anche per Marco Anastasio, rapper di 21 anni da Meta di Sorrento, che con il suo flow e con i suoi testi riesce a trasmettere ai giudici la sua “esigenza di raccontarsi”. Per Fedez è la miglior ‘penna’ che fino a oggi si è presentata ad X Factor.

Manuel si ritrova a dover rivestire i panni di notaio, stila un ‘contratto’ per far sì che Angelo Oliva, concorrente già presentatosi alla scorsa edizione, non ritorni più. Infine le parole di incoraggiamento di Mara davanti alla delusione della giovane Anna Boconcello di 19 anni, che interpreta ‘La luna bussò’ di Loredana Berté, che cerca di spiegarle l’importanza di ricevere dei no nella vita perché “un no non è niente mentre un sì sbagliato è peggio di un no giusto”. Ai quattro giudici delle selezioni – Fedez, Mara Maionchi, Manuel Agnelli e Asia Argento – si è aggiunto come ospite della serata in veste di ‘quinto giudice’ Lodo Guenzi, frontman de ‘Lo Stato Sociale’.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background