Il Papa ai mafiosi: “Convertitevi”  

Scritto da il 14 settembre 2018

Il Papa in Sicilia nel ricordo di don Puglisi

(AdnKronos)

Pubblicato il: 15/09/2018 10:16

“Superare steccati e pregiudizi, rifuggire dalla tentazione mondana del quieto vivere”. E’ il mandato che il Papa affida alla comunità di Piazza Armerina nel corso del viaggio siciliano che a breve lo porterà a Palermo sulle orme di don Pino Puglisi, il prete assassinato dalla mafia nel ‘93. A lui il Papa dedica un passaggio che viene accolto da un’ovazione della folla: “Cari fratelli e sorelle, sarebbe bello stare insieme ancora un po’! Sento il calore della vostra fede e le speranze che portate nel cuore ma sono atteso a Palermo, dove faremo memoria grata del sacerdote martire Pino Puglisi. Ho saputo che, venticinque anni fa, appena un mese prima della sua uccisione, egli trascorse alcuni giorni qui, a Piazza Armerina. Era venuto per incontrare i seminaristi, suoi alunni al Seminario maggiore di Palermo. Un passaggio profetico, io credo! Una consegna, non solo ai sacerdoti, ma a tutti i fedeli di questa diocesi: per amore di Gesù, servire i fratelli fino alla fine”.

Il Pontefice chiama in causa sacerdoti e laici: “Per essere Chiesa della carità missionaria, occorre prestare attenzione al servizio della carità che oggi è richiesto dalle circostanze concrete. I sacerdoti, i diaconi, i consacrati e i fedeli laici sono chiamati a sentire compassione evangelica per i tanti mali della gente, diventando apostoli itineranti di misericordia nel territorio, ad imitazione di Dio che ‘è tenerezza e vuole condurci a un’itineranza costante e rinnovatrice’. Con semplicità andate per i vicoli, i crocicchi, le piazze e i luoghi di vita feriale, e portate a tutti la buona notizia che è possibile una convivenza giusta fra noi, piacevole e amabile, e che la vita non è oscura maledizione da sopportare fatalisticamente, ma fiducia nella bontà di Dio e nella carità dei fratelli. È importante favorire nelle parrocchie e nelle comunità la carità evangelica, la solidarietà e la sollecitudine fraterna, rifuggendo la tentazione mondana del quieto vivere”.

Il Pontefice, come di consueto, invita a prendersi cura degli anziani: “Ma per favore, non lasciate soli gli anziani, i nostri nonni. Loro sono la nostra identità, le nostre radici e noi non vogliamo essere un popolo sradicato. Curare i nonni, avanti! Non dimenticate che la carità cristiana non si accontenta di assistere; non scade in filantropia, ma spinge il discepolo e l’intera comunità ad andare alle cause dei disagi e tentare di rimuoverle, per quanto è possibile, insieme con gli stessi fratelli bisognosi”.

Il Pontefice ribadisce la necessità di prediche sobrie: “Per quanto riguarda la partecipazione alla santa messa, specialmente a quella domenicale, è importante non essere ossessionati dai numeri: vi esorto a vivere la beatitudine della piccolezza, dell’essere granellino di senape, piccolo gregge, pugno di lievito, fiammella tenace, pietruzza di sale. ‘Ma io padre, prego ma non vado a messa’. Ma perché, perché? ‘La predica mi annoia, dura quaranta minuti’. No, quaranta minuti deve durare la messa tutta eh, la predica più di otto minuti non va”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background