Olimpiadi, scontro tra il governo e Milano  

Scritto da il 16 settembre 2018

Olimpiadi, scontro tra il governo e Milano

Giuseppe Sala (Fotogramma)

Pubblicato il: 17/09/2018 19:58

E’ scontro sulle Olimpiadi tra il governo e il sindaco di Milano Giuseppe Sala. Ad accendere la miccia è stata la richiesta del primo cittadino di dare a Milano un ruolo preminente. Richiesta che ha scatenato la dura reazione del sottosegretario ai rapporti con il Parlamento e responsabile dello Sport per il M5S Simone Valente, per il quale il sindaco avanza una “pretesa insostenibile”. Il sottosegretario allo Sport, Giancarlo Giorgetti, esprimerà domani, nel corso dell’audizione in commissione istruzione del Senato, la posizione del governo sulle candidature delle olimpiadi invernali.

Secondo alcune indiscrezioni, Sala avrebbe scritto in una lettera inviata al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, chiedendo di fare chiarezza “per il bene del nostro Paese e delle possibili città candidate” sulla candidatura italiana alle Olimpiadi del 2026. Dopo il video pubblicato su Facebook da San Francisco, dov’era impegnato nel Global climate action summit, Sala sarebbe dunque tornato a ribadire la necessità di chiarire il ruolo di Milano nella candidatura a tre per i Giochi invernali, chiedendo che il capoluogo lombardo appaia per primo nell’indicazione delle città ospiti, accanto a Torino e Cortina, per rafforzare il brand della città.

E non solo: così come nel video, anche nella lettera il sindaco avrebbe evidenziato i rischi derivanti da un’organizzazione troppo complessa, destinata con ogni probabilità all’empasse. “Milano non si è mai rifiutata di collaborare ad un’ipotesi che pur non ritiene la migliore” e “ritiene di avere le capacità organizzative, come dimostrato da Expo2015, per gestire direttamente e pienamente il progetto olimpico”. Tuttavia, chiede al governo “una scelta politica che parte dalla necessità di non creare tensioni al proprio interno”. Dopodiché “dovrà essere il governo stesso a prendersi la responsabilità amministrativa dell’evento”. Responsabilità che “non è immune da rischi”.

Per Valente però le parole del sindaco di Milano “sono ancora una volta non allineate con quanto emerso nel recente incontro a Palazzo Chigi. Sala, richiedendo che il brand olimpico ricada esclusivamente o in maniera più visibile su Milano, formalizza di fatto una pretesa insostenibile per tutti coloro che fino ad oggi avevano lavorato con grande impegno a un progetto unitario”. “E’ arrivato il momento – aggiunge – di mettere un punto fermo su questa situazione paradossale: non è possibile procedere quando determinate condizioni proposte da Coni e Governo non sono sostenute da una città così importante come Milano a causa delle dichiarazioni del suo sindaco”.

Sala replica così su Facebook alle parole di Valente: “È sufficiente prendere le mie dichiarazioni da fine luglio, dopo la riunione al Coni ad oggi, per vedere come la mia posizione non sia mai cambiata“. “Leggo le dichiarazioni del Sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Simone Valente. Non contesto le sue opinioni, ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero, a maggior ragione se si tratta di un Sottosegretario. Anzi deve farlo -scrive Sala-. Contesto però il fatto che sostenga che io avrei detto cose diverse nella riunione di Palazzo Chigi rispetto a quanto ho scritto oggi”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background