Martina perde la pazienza  

Scritto da il 18 settembre 2018

Martina perde la pazienza

(Fotogramma)

Pubblicato il: 19/09/2018 07:41

La giornata di ieri è iniziata subito calda, con Carlo Calenda che ha parlato di un Pd a cui serve uno “psichiatra”: “Quello che importa” ai dirigenti “è il Congresso. Sta diventando un posto in cui l’unico segretario che si dovrebbe candidare è il presidente dell’associazione di psichiatria”. Per errore, viene attribuita all’ex-ministro anche la frase: “Il Pd merita l’estinzione”.

Ma, prima che arrivi la rettifica, Maurizio Martina sbotta: “Adesso basta, chiedo a tutti più generosità e meno arroganza. Il Pd è l’unico argine al pericolo di questa destra”. E fa un appello in vista della manifestazione del 30 settembre a Roma: “È possibile chiedere a tutti i dirigenti nazionali del mio partito una mano perché la manifestazione del 30 sia grande, bella e partecipata?”.

In serata, arriva Nicola Zingaretti: “Credo che adesso dobbiamo fare tutti uno sforzo perche’ il 30 settembre diventi una grande giornata di riscossa democratica e popolare”. Un appello condiviso anche dall’ala renziana che, tuttavia, resta innanzitutto concentrata sullo sfidante da contrapporre al congresso al presidente della regione Lazio. Oggi a Montecitorio, era tornato a girare con insistenza il nome di Graziano Delrio. Il capogruppo ha ripetutamente respinto l’invito. Eppure, chi ci ha parlato nelle ultime ore, riferisce di un no meno granitico.

“Per Graziano – dice un esponente renziano – conta molto l’opinione della sua famiglia ma è sempre più consapevole di quanto sia delicata la situazione. Nelle settimane scorse ha sempre detto che serviva un giovane da candidare alla segreteria. Ora è meno convinto…”. Certo, Delrio potrebbe essere la carta per recuperare il consenso di Areadem di Dario Franceschini, per ora schierato con Zingaretti.

Ma non sembra che l’ex-ministro sia intenzionato a mollare il sostegno al presidente della regione Lazio. “Forse qualcuno di Areadem potrebbe, ma lui no”, assicurano deputati di area. Con Zingaretti c’è anche la minoranza di Andrea Orlando che ha lasciato un posto di ‘riguardo’ per il governatore del Lazio alla festa dei Dem a Rimini: parteciperà alla tavola rotonda in chiusura dell’appuntamento organizzato dagli orlandiani.

Le truppe si schierano e i renziani ripetono: “Dobbiamo trovare un candidato in tempi ragionevoli”. Anche perché, di tempo, non ne resta tantissimo. Il congresso non sarà subito a novembre, come chiede Roberto Giachetti, da oggi in sciopero della fame ma, a sentire Martina, da ottobre si dovrebbe partire intanto con la fase dei congressi locali.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background