Iva e tasse, niente aumento  

Scritto da il 20 settembre 2018

Iva e tasse, niente aumento

PALAZZO CHIGI (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 21/09/2018 18:41

Realizzare la maggior parte delle misure della manovra, anche le più costose, senza aumentare le tasse e l’Iva. E’ quanto emerge dalla riunione che si è tenuta in mattinata a Palazzo Chigi. “Riunione molto positiva e il ministro Tria ha preso atto della volontà politica della Lega e del Movimento 5 Stelle di realizzare formule importanti di cambiamento, dal reddito di cittadinanza per gli italiani alla riforma delle pensioni” spiega una fonte leghista presente al vertice, a cui hanno preso parte, tra gli altri, il premier Giuseppe Conte, il vicempremier Matteo Salvini e il ministro dell’Economia.

“Ora c’è l’impegno di tutti ad affinare le proposte e dello stesso ministro Tria a cercare soluzioni” viene spiegato. L’ottica è quella di realizzare la maggior parte delle misure, anche le più costose, con coperture che abbiano un basso impatto sui conti pubblici e comunque senza aumentare le tasse e l’Iva perché “senza crescita non può esserci sviluppo e non si cambia il Paese”.

QUOTA 100 – La Lega conferma, tra le altre cose, quota 100 sulle pensioni (62 + 38), la riforma fiscale e propone un sistema snello di ammodernamento delle opere pubbliche che consentirebbe un miglioramento delle infrastrutture da affiancare all’apertura di cantieri più impegnativi. I tecnici di maggioranza sono in queste ore al lavoro per verificare impatti di crescita e spesa sui conti pubblici in vista della manovra.

DI MAIO – “Ho avuto notizie dalla riunione” dice poi Luigi Di Maio in un video su Facebook. “Si sono fatti passi in avanti perché il nostro obiettivo è applicare il reddito di cittadinanza, superare la legge Fornero e abbassare tasse con un sistema di flat tax. Ma bisogna fare ancora passi avanti”.

MANOVRA – “Ci dobbiamo togliere dalla testa i numerini. Dimenticare i numerini e pensare ai cittadini – aggiunge Di Maio -. Questo è il primo obiettivo che vogliamo mettere al centro della legge di Bilancio, altrimenti diventeremmo un Padoan qualunque”.

IL 2% – “Dal vertice di oggi sono emersi 3 punti fermi: reddito di cittadinanza, quota 100 e flat tax. In particolare siamo soddisfatti perché si è deciso di mettere da parte alcune misure per garantire il superamento della Fornero” sottolineano poi fonti M5S. “C’è stata inoltre condivisione – aggiungono – su quella che è sempre stata la linea M5S, cioè che i cittadini vengono prima delle virgole: perciò non ci sono tabù intorno al 2% da parte di nessuno, l’importante è la credibilità della politica economica”.

CONTE – E “sulla manovra la fumata bianca è già iniziata” ha detto poi in serata il premier Conte in un’intervista trasmessa via Facebook, facendo riferimento agli incontri con i ministri e i leader della coalizione.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background