Musica: al Parco della Musica #ConVersando con il duo Manzoni-Sales  

Scritto da il 22 settembre 2018

Al Parco della Musica '#Conversando' con il duo Manzoni-Sales

Il duo Manzoni-Sales, musicista e psicoterapeuta.

Pubblicato il: 23/09/2018 10:53

Due professionisti sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Andrea Manzoni e Andrea Sales. Musicista e compositore il primo, psicologo e psicoterapeuta il secondo. Insieme per un vero e proprio viaggio, tra musica e parole, alla scoperta di universi condivisi, di valori ineludibili di cui riappropriarsi. L’amore, la passione, la curiosità, quale motore dell’esistenza. ‘#ConVersando’, è lo spettacolo scritto a ‘quattro mani’, che li vedrà protagonisti, in scena nella capitale, l’11 ottobre.

Un unicum, un format sperimentale e innovativo che nasce dal desiderio di rimettere in discussione il rapporto con il pubblico. Stand-up comedy, pièce teatrale, intervista… Riflessioni e punti di vista, dialoghi senza filtri come in un salotto di casa. Andrea Manzoni accompagna con la sua musica, Andrea Sales stimola con molteplici e inusitati spunti di riflessione.

Andrea Sales, psicologo, psicoterapeuta, formatore ha dichiarato all’Adnkronos: ”Il mio obiettivo, sin dall’inizio, con Andrea Manzoni, è stato quello di coinvolgere il pubblico all’interno di una spettacolarità che rompesse con il passato, con il déjà vu: un riflessione contestualizzata, in base a ciò che emerge in quel momento in teatro! Nel mio lavoro di ‘formatore’ utilizzo spesso la musica, perché è forte l’analogia con la vita: bisogna sempre trovare il miglior accordo possibile con se stessi, con gli altri e con il mondo. E questo accordarsi va educato e alimentato: non è un caso che la musica dodecafonica, a noi poco conosciuta, sia comunemente poco apprezzata, mentre i consensi per la musica pop (“popolare”, per l’appunto) sono sempre altissimi”.

Uno spettacolo drammaturgicamente estemporaneo, ‘#ConVersando’. Si parte con un canovaccio per sublimare e condividere emozioni, tematiche e ‘moduli’ legati a contenuti precisi che di volta in volta vengono condivisi con lo spettatore. La musica gioca un ruolo importante. Accompagna lo svolgersi dell’azione, il dipanarsi del linguaggio, la forza del pensiero. ”Linguaggio come motore del nostro progetto – ha spiegato ancora – per riscoprire una cultura, una dimensione sociale, la nostra identità: la parola come strumento per cambiare, per stare meglio”.

”Libertà è partecipazione scriveva Giorgio Gaber – ha aggiunto Andrea Sales – E’ il monito che lanciamo al nostro pubblico, la partecipazione. Ecco perché una rappresentazione può durare un’ora e mezza, ma anche molto di più. Una forma di condivisione che ha i suoi frutti. Riflettere, pensare, meditare… Ripensare il proprio tempo, dando a esso un valore nuovo, come mi hanno confessato alcuni spettatori’’. E dopo Roma lo spettacolo farà tappa anche a New York e Barcellona.

E da Parigi, dove abita e lavora, ha spiegato il compositore e musicista Andrea Manzoni: ” Una performance che ricorda le jam session di jazz. Con Andrea Sales proviamo prima di ogni spettacolo, ma soprattutto improvvisiamo moltissimo. L’influenza è la nostra guida maestra, che si trasforma in stimolo, entusiasmo, apertura di spirito. In fondo è proprio questa ‘apertura’ alla base del mio lavoro – ha aggiunto – ho scelto di abitare a Parigi, città condizionante, ‘patria’ di culture diverse”.

Ama chiamare ‘#ConVersando’ un reading sinergico. ”Sì – ha spiegato ancora – perché il pubblico è partecipe e protagonista. Un pò come avveniva negli happening degli anni ’70, nel teatro elisabettiano. Sono un ricercatore, uno sperimentare. Mi piace concepire il mio lavoro al di là dell’ordinario, dalle forme di concerto desuete. Oggi – ha concluso – vedo tante scatole vuote prive di contenuti. E’ la ricerca dei contenuti quello che ci interessa realmente”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background