Abusi Forteto, nuova condanna per l’ex guru 

Scritto da il 24 settembre 2018

Abusi Forteto, nuova condanna per l'ex guru

(FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 25/09/2018 15:28

Rodolfo Fiesoli, ex guru della comunità di recupero ‘Il Forteto’ di Vicchio del Mugello, è stato condannato a 8 anni di reclusione dal Tribunale di Firenze per violenza sessuale su un minore che frequentava la cooperativa di accoglienza di affidi familiari. Il tribunale ha condannato l’ex ‘profeta’ anche al risarcimento dei danni alla cooperativa ‘Il Forteto’, che si era costituita per il danno d’immagine. L’ammontare del danno sarà calcolato in sede civile. Il giudice ha disposto una provvisionale da 50mila euro alla vittima.

Per Fiesoli – attualmente libero e non presente in aula, come peraltro mai avvenuto negli altri suoi processi – il giudice ha disposto anche l’interdizione dai pubblici uffici. Il pubblico ministero Ornella Galeotti aveva chiesto 12 anni.

La nuova condanna arriva a conclusione del processo nato da uno stralcio relativo alle accuse di un giovane teste, vittima di violenze emerse nel corso del processo principale sul Forteto, che ha portato alla condanna definitiva a 15 anni e 10 mesi del ‘profeta’ della comunità per maltrattamenti e violenza sessuale.

Rodolfo Fiesoli sarà nuovamente processato per i reati legati agli orrori degli abusi sessuali commessi al Forteto: il 16 novembre davanti alla terza sezione penale della Corte di Appello di Firenze si terrà la celebrazione del nuovo giudizio in sede di rinvio. Ciò in seguito al deposito, nei mesi scorsi, da parte della Corte di Cassazione delle motivazioni della sentenza che ha disposto l’annullamento con rinvio, limitatamente ad un solo capo di imputazione e alla conseguente rideterminazione della pena, della decisione di appello nei confronti di Fiesoli.

Rodolfo Fiesoli, 77 anni, fondatore della comunità ‘Il Forteto’, al centro di varie inchieste per maltrattamenti e violenza sessuale, è stato scarcerato l’8 luglio scorso a seguito di una decisione della Cassazione del 5 luglio, dopo un ricorso presentato dal suo difensore, l’avvocato Lorenzo Zilletti.

Fiesoli era stato condannato a 15 anni e 10 mesi ma la Cassazione aveva stabilito che dovesse scontare un residuo di pena di 14 anni, 8 mesi e 17 giorni. Il 23 dicembre 2017 venne accompagnato dai carabinieri nel carcere fiorentino di Sollicciano. Il ricorso in base al quale Fiesoli è stato rimesso in libertà dalla prima sezione della Corte di Cassazione era stato presentato dai difensori del fondatore del Forteto per un ”incidente di esecuzione”, ovvero l’impossibilità di eseguire una pena che non abbia i caratteri di certezza e irrevocabilità.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background