Gino Strada stronca il decreto Salvini  

Scritto da il 24 settembre 2018

Gino Strada stronca il decreto Salvini

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 25/09/2018 17:29

“E’ il più recente atto di guerra contro i migranti che sono i mostri del momento”. Così Gino Strada, in un’intervista a ‘Radio Capital’, commenta il decreto Sicurezza targato Salvini varato ieri all’unanimità dal Consiglio dei ministri. “Non è il primo atto di guerra, sia chiaro”, sottolinea il fondatore di ‘Emergency’, sostenendo che “la guerra è stata iniziata dalla politica, non dagli italiani perché in Italia negli anni precedenti c’erano stati straordinari esempi di accoglienza e di integrazione”. “Ad un certo punto però – prosegue Strada – la politica con il ministro Minniti ha deciso di dichiarare guerra ai migranti e in subordine anche alle organizzazioni umanitarie che cercano di salvargli la pelle. Questo per me è il senso di questo decreto”.

Secondo Strada si tratta di un provvedimento che “con la Costituzione Italiana e con i trattati internazionali non ha mai avuto familiarità” e che contiene “cose addirittura grottesche“, ad esempio “c’è scritto che si può revocare la cittadinanza italiana in caso di furto”. “Ora non vorrei che gli italiani prendessero l’esempio di rubarsi 50 milioni tanto chi c… se ne frega, li restituisco in comode rate mensili“, incalza Strada, facendo riferimento alla rateizzazione dei fondi del Carroccio. Per poi tornare a parlare della gestione del fenomeno migratorio: “A me quello che spaventa è la disumanità di questi atteggiamenti, sempre la stessa logica ‘noi contro gli altri’, contro il nemico di turno che dobbiamo costruire in qualche modo raccontando balle come si è sempre fatto per costruire nemici”.

“Questi signori della politica – prosegue l’attivista – prima di quella di Minniti, oggi di quella di Salvini, la pensano in questo modo: ‘Che crepino pure, basta che non vengano qui da noi‘. Punto, fine, questo è il loro pensiero”. “Questo è il pensiero che a me spaventa – ribadisce – quando si incomincia a cercare di giustificare e a dire menzogne per far passare l’idea che ‘quelli sono il nemico’”. “Mi piace pensare che le migrazioni soltanto un cretino può pensare di fermarle“, aggiunge Strada, sostenendo che “la storia dell’umanità è una storia di migrazioni”. Per poi concludere con una riflessione personale: “Io non sono né di destra né di sinistra e per il mestiere che faccio e per l’associazione che ho contribuito a fondare sono contro la guerra, in qualsiasi forma si presenti”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background