Manovra, Renzi: “Conseguenze devastanti”   

Pubblicato da in data 27 Settembre 2018

Manovra, Renzi: Conseguenze devastanti

Fotogramma

Pubblicato il: 28/09/2018 12:37

Il giorno dopo il via libera alla nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, Matteo Renzi va all’attacco con un post sul suo profilo Instagram. “Nel 2019/20 vedremo le conseguenze devastanti delle scelte di oggi“, scrive l’ex premier. “A proposito di #FakeNews: dicono di aver abolito la povertà per decreto. Ricordatevi questa card: ne riparliamo tra un anno”, afferma. “Chi si basa su condoni e assistenzialismo – aggiunge – non ha futuro”.

Su Facebook, il senatore del Pd spiega: “Parliamoci chiaro, amici. Il problema non è l’Europa, non è lo spread, non è il deficit. O meglio: non è solo questo. Il problema è la deriva venezuelana che stiamo rischiando. Il problema è che stanno prendendo in giro gli italiani. Dicono che hanno abolito la povertà per decreto. E fingono di crederci. Dicono che stanno mantenendo le promesse elettorali quando nonostante la guerra ai mercati faranno al massimo il 10% di ciò che hanno promesso. Stanno mentendo, ancora. Dicono che loro sono il popolo ma in Piazza con le bandiere ci sono solo i parlamentari: la presunta classe dirigente del paese che fa la claque al Governo sul balcone”.

Renzi, tra le altre cose, scrive: “Nei prossimi 12/18 mesi l’economia si bloccherà. I posti di lavoro diminuiranno dopo anno di segno più. Gli investitori stranieri ridurranno gli investimenti” e “domani la stessa macchina che avete visto in funzione tra le bandiere sotto palazzo Chigi sarà impegnata a pieno regime per giustificare il fallimento e dare la colpa ai poteri forti. Il copione è già scritto“. Per il senatore del Pd, “la verità è che la manovra del popolo è una retromarcia. L’Italia smetterà di crescere, di assumere, di intraprendere”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background