Salvini: “Se Ue ci boccia tiriamo avanti”  

Scritto da il 27 settembre 2018

Salvini: Se Ue ci boccia tiriamo avanti

(Afp)

Pubblicato il: 28/09/2018 12:36

Soddisfatti e determinati, seppur con sfumature diverse rispetto ai rapporti con l’Europa, e “non preoccupati” per la reazione dei mercati. All’indomani dell’approvazione della nota di aggiornamento al Def, che estende al 2,4% il rapporto deficit/Pil, i due vicepremier rassicurano sul futuro del Paese e rivendicano meriti e obiettivi delle misure messe in campo. Intanto però lo spread vola e il commissario agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici avverte l’Italia: “Quando un Paese si indebita, si impoverisce”.

Se l’Ue dovesse bocciare la manovra “noi tiriamo avanti” dice senza mezzi termini il titolare del Viminale, Matteo Salvini. Più cauto il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio: “Non vogliamo andare allo scontro”.

“Non siamo mica al mercato dei tappeti… se mi dai tre migranti ti dò uno zero virgola – afferma Salvini all’indirizzo dell’Ue – E infatti stiamo raccogliendo errori passati di Renzi. Non siamo in un suq a scambiare perline con cappellini. Noi tiriamo dritti” ribadisce il leader della Lega.

“Pensiamo di lavorare bene per la crescita del Paese – evidenzia – e per ridare fiducia, speranza, energia e lavoro. E quindi sono felice di quello che abbiamo fatto in questi quattro mesi e di quello che faremo nei prossimi quattro anni”. Il ministro dell’Interno parla di “passo in avanti verso la civiltà, i mercati se ne faranno una ragione“.

“Sono felice – spiega poi – perché abbiamo ridato diritto al lavoro, pensione e speranza a milioni di italiani”. “Noi vogliamo dare lavoro ai giovani. Se superando la legge Fornero manderemo a casa migliaia di lavoratori, rendiamo un servizio a queste persone che se lo meritano e soprattutto apriamo enormi spazi di futuro e lavoro ai giovani. Lo spiegheremo anche ai commissari” chiarisce in particolare dopo le critiche mosse da Moscovici.

“TRIA MAI IN BILICO” – Quanto al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, oggetto del pressing di 5S e Lega per portare il rapporto deficit/Pil al 2,4%, “non è mai stato in bilico – assicura Salvini – E’ un membro del governo ed è un governo che in maniera compatta piano piano con intelligenza e responsabilità sta mantenendo uno per uno gli impegni presi”. E a chi gli chiede dei rapporti con il ministro dell’Economia, risponde: “Passo più tempo con Tria, Di Maio e Conte che con miei figli. Andiamo d’amore e d’accordo. Siamo come una famiglia super allargata. Sono molto soddisfatto di questi quattro mesi di attività governativa”.

A chi gli domanda dell’abolizione della povertà, “mi piacerebbe anche abolire il cattivo tempo e i pareggi del Milan – replica il leader della Lega – ma purtroppo con decreto non ci riesco”. “Dobbiamo abbattere il muro della precarietà, della sfiducia e della disoccupazione in Italia. Questa manovra – ribadisce – intervenendo sulla Fornero, riducendo le tasse ai piccoli, aumentando le pensioni di invalidità rappresenta un passo in avanti verso la civiltà. Sono convinto che analisti e mercati capiranno che stiamo lavorando per il bene del Paese. Non sono assolutamente preoccupato“.

Così come assicura l’altro vicepremier Luigi Di Maio. “Non sono preoccupato” risponde il ministro del Lavoro a chi gli chiede dell’aumento dello spread e del calo della borsa il giorno successivo al varo della nota di aggiornamento al Def. “Questo perché – spiega a margine di un convegno sul 5G – nei prossimi giorni voglio incontrare tutti, soggetti pubblici e privati”.

Di Maio sottolinea: “Nel 2,4% ci sono 15 miliardi di euro di investimenti; è il più grande piano mai fatto in Italia e questo consentirà di avere un’alta redditività”. In Italia ci saranno “risorse fresche insieme ai 12-13 miliardi che sono in pancia alla Pa” e che “ora saranno sbloccati”. Dunque, “il debito scenderà perché – aggiunge – gli investimenti che andremo a fare quest’anno creeranno una crescita economica inaspettata. Ora andremo semplicemente a spiegare le nostre ragioni”.

Riguardo ai rapporti con l’Ue, “abbiamo di fronte giorni importanti di interlocuzione con la Commissione Europea: noi non vogliamo andare allo scontro” garantisce il capo politico M5S. Il ministro del Lavoro considera “l’intervento di Moscovici interlocutorio. Le preoccupazioni sono legittime ma il governo si è impegnato a mantenere il 2,4% per tre anni e vi posso assicurare che ripagheremo il debito, e il debito scenderà“.

“DA TRIA VARI SCENARI” – Parlando poi della riunione di ieri per la predisposizione della nota al Def, Di Maio dice che “Tria è stata una persona che ha seguito quello che avevamo concordato insieme“, e spiega che il ministro dell’Economia “aveva predisposto vari scenari: noi non ci siamo impiccati ai numeri. Abbiamo detto questo è quello che serve al popolo italiano: poi si fa il calcolo e si vede quanto si deve fare di deficit”. “Non è stata una riunione algida – rimarca – ma si è parlato della carne viva del Paese”.

Nei “vari scenari” messi a punto dal titolare di via XX Settembre vi era anche quello di “intervenire con la legge Fornero, il reddito, la flat tax e i truffati dalle banche”, sottolinea Di Maio. “Nei prossimi giorni ci saranno tutte le interlocuzioni da portare avanti con le istituzioni europee e con i fondi privati. Capisco che ci possa essere una novità in Italia perché siamo sempre stati più realisti del re. Però devo dire che da tutto un mondo imprenditoriale che conosco mi arrivano feedback positivi, legati al fatto che ci sono soldi freschi da investire e quindi occasioni economiche per i soggetti privati per fare degli investimenti” conclude Di Maio.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Prossimo Articolo

Bomba meteo in arrivo  


Thumbnail
Articolo Precedente

Icardi stende il Diavolo  


Thumbnail

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background