Come spendere i 780 euro del reddito di cittadinanza 

Scritto da il 1 ottobre 2018

Come spendere il reddito di cittadinanza

(Fotogramma)

Pubblicato il: 02/10/2018 06:51

Reddito di cittadinanza, l’assegno mensile da 780 euro potrà essere speso soltanto in alcuni beni. Il vicepremier Di Maio ieri ha detto che “l’ideale sarebbe usare la tessera sanitaria” ma “nel frattempo sarà messo su una carta elettronica”. Tra le tante ipotesi, si era infatti parlato anche dell’utilizzo di una tessera bancomat o di una App con il borsellino elettronico. Tutti sistemi che permetterebbero da una parte di controllare, dove andranno a finire i soldi, come verranno spesi in beni di prima necessità – alimenti, medicinali e affitto – e non in ‘voluttuari’. I soldi del reddito di cittadinanza si potranno spendere, ha aggiunto ieri sera Di Maio a ‘Quarta repubblica’ su Rete4, “negli esercizi commerciali in Italia per far crescere l’economia”, mentre bisognerà “limitare al massimo le spese fuori dall’Italia”. “Questo ci porterà un gettito superiore alle aspettative – aggiunge -. Questi soldi inonderanno il commercio, negozi e piccole imprese”.

TEMPI E MODI DI EROGAZIONE – Gli assegni mensili dovrebbero essere erogati a partire da marzo-aprile. Il reddito di cittadinanza sarà dato anche ai residenti in Italia, ha detto Di Maio, “da almeno 10 anni“. Per ottenere il reddito di cittadinanza, bisognerà sottostare ad alcuni requisiti: essere cittadini italiani, aver compiuto almeno 18 anni, essere disoccupati o percepire un reddito o pensione, considerati al di sotto della soglia di povertà, iscriversi al centro per l’impiego, svolgere progetti di utilità sociale organizzati dal Comune di residenza per un massimo di 8 ore settimanali, e soprattutto accettare uno fra i primi tre lavori offerti dal centro per l’impiego. Dopo il rifiuto di tre offerte, infatti, i cittadini saranno esclusi dal sussidio. Chi vuole ottenere il reddito di cittadinanza, dovrà inoltre dimostrare di impiegare alcune ore al giorno alla ricerca di un lavoro. Dal calcolo potrebbe essere escluso chi è proprietario della prima casa come chiede il M5S.

PLATEA E FINANZIAMENTI – Sei milioni e mezzo di persone potrebbero beneficiarle. Tanti sono coloro che ora vivono sotto la soglia di povertà. Per finanziarlo sono stati previsti 10 miliardi di euro. Il reddito sarà erogato sotto forma di carta acquisti che i beneficiari potranno spendere per beni di prima necessità come alimenti e medicinali. Ma anche per pagare l’affitto. “Ogni cittadino che ha diritto al reddito potrà adoperare la propria tessera bancomat e recarsi in un negozio” aveva detto il viceministro all’Economia dei 5Stelle, Laura Castelli, in un’intervista al ‘Fatto Quotidiano’. “Poniamo che debba comprare del pane: gli basterà dare il bancomat al fornaio, che riconoscerà il codice della tesserina tramite un apposito software e scalerà la cifra dell’acquisto. Non ci sarà alcuno scambio di denaro: il negoziante riavrà dallo Stato in giornata la cifra spesa dal singolo cittadino, come già avviene ora con i normali acquisti. E le banche di acquirente e venditore non avranno visionato nulla”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background