Stampa e governo, Mentana striglia Di Maio  

Scritto da il 6 ottobre 2018

Stampa e governo, Mentana striglia Di Maio

(Fotogramma)

Pubblicato il: 07/10/2018 10:28

Nuova strigliata targata Enrico Mentana. Destinatario di un post al vetriolo, il ministro Luigi Di Maio, che ieri ha accusato ancora una volta la stampa di non vedere di buon occhio il M5S e di diffondere fake news, per poi lanciare un duro attacco contro “il gruppo l’Espresso”. Per il direttore del tg la7, “le parole di ieri di Di Maio sull’informazione sono un’offesa ribalda e ingiustificabile. Ed è gravissimo che a pronunciarle sia stato il leader della principale forza parlamentare italiana, vicepremier e ministro del lavoro e dello sviluppo economico. So già – commenta ancora Mentana – che qua sotto arriveranno anche i soliti commenti sgangherati di soggetti che sono soliti auspicare la morte delle persone, figuriamoci dei giornali. Ma esiste una cosa che si chiama rispetto per chi lavora, e allarma che a irriderla sia chi il lavoro dovrebbe tutelarlo“, conclude il direttore.

A scatenare l’ira del giornalista, le affermazioni – durissime – pronunciate ieri da Di Maio in un video messaggio su Facebook. Secondo il ministro, la manovra verrebbe distrutta dai media perché ‘”la maggior parte delle misure sono del Movimento 5 stelle”. In questi giorni, aggiunge il vicepremier, è chiaro ed evidente che ancora una volta il sistema ed i media, se possono, danno sempre addosso al Movimento”. Per Di Maio si tratterebbe del ”solito meccanismo per cui, anche quando stiamo raggiungendo un risultato, ce lo devono distruggere perché se non possono dire che non abbiamo mantenuto la promessa allora devono dire che è una cosa ridicola”. I media, inoltre, metterebbero la Lega contro il Movimento per ”far sembrare sempre il Movimento la parte debole perché così poi i nostri elettori, i nostri attivisti ed i nostri parlamentari devono andare in fibrillazione e credere che sia così”.

Ma per fortuna, spiegava Di Maio, ”ci siamo vaccinati alle bufale e alle fake news tanti anni fa e si stanno vaccinando anche altri cittadini. Tanto è vero che stanno morendo tanti giornali tra cui quelli del gruppo l’Espresso” che stanno avviando processi di esubero. ”Mi dispiace per i lavoratori” ma, sostiene Di Maio, questo sta accadendo perché ”nessuno li legge più in quanto ogni giorno passano il tempo ad alterare la realtà e non raccontare la realtà”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background