Eni: “Biodiesel da olio patatine fritte”  

Scritto da il 11 ottobre 2018

Eni: Biodiesel da olio patatine fritte

Bioraffineria (Foto Eni)

Pubblicato il: 12/10/2018 16:04

Produzione di biodiesel con l’olio delle patatine fritte, “ne raccogliamo già 300.000 tonnellate l’anno ma dovremmo averne molte di più”. Così l’ad di Eni, Claudio Descalzi, ha mostrato alla Maker Faire di Roma come l’Eni stia già raccogliendo la sfida dell’economia circolare. “L’olio delle patate fritte -ha sottolineato Descalzi – è una delle cose più inquinanti e che difficilmente raccogliamo, anzi lo buttiamo nel lavandino”. “Con le tecnologie che abbiamo sviluppato – ha detto – è diventato una fonte di energia per il nostro sistema di raffinazione a Venezia e in futuro a Gela”.

Le quantità sono circa 300.000 tonnellate ma dovremmo averne molte di più“, ha evidenziato Descalzi aggiungendo che Eni dovrebbe “innanzitutto raccoglierlo”. Una esigenza che, ha detto l’ad di Eni, apre una “opportunità per far nascere una nuova industria capace di raccogliere, raffinare e certificare” gli oli di frittura esausti, “per venderli poi a noi”.

“Abbiamo affinato le nostre tecnologie per trattare la terza generazione che sono i rifiuti veri e propri organici e grassi animali”, ha detto ancora Descalzi.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background