Stoccata di Renzi al governo  

Scritto da il 19 ottobre 2018

Stoccata di Renzi al governo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 20/10/2018 13:47

“La Leopolda ha sempre il ruolo di trascinare energie e di scatenare entusiasmo”. Ha esordito così l’ex premier Matteo Renzi, cui è spettato il compito stamane di aprire la seconda giornata della Leopolda 9, in corso a Firenze. Poi, come del resto era previsto, dal palco parte una nuova stoccata al governo: “C’è gente che governa bene l’Italia – dice Renzi – ma non è il governo Conte: sono i nostri sindaci, i nostri amministratori”.

L’ex segretario, ora senatore, lanciando un appello per l’autofinanziamento della kermesse decide inoltre di smentire quelle che da sempre ha definito fake news: “Noi – ha ribadito – non abbiamo preso i soldi da Autostrade, quelli li ha presi la Lega”.

E nel saluto di Renzi alla platea finisce anche la ‘signora della Moda e del Made in Italy’ Wanda Ferragamo, scomparsa ieri, cui l’ex premier ha dedicato un commosso ricordo: “Approfitto del palco della Leopolda per mandare un grandissimo abbraccio a tutta la famiglia e soprattutto un ricordo grato ed affettuoso di quello che è stata Wanda Ferragamo per molti di noi”.

“Ieri ci ha lasciato una signora, una nonna, mi piace definirla così, una signora di 96 anni, a cui Firenze e tutta Italia deve molto – ha aggiunto Matteo Renzi che più volte la frequentò nel suo ruolo di sindaco di Firenze – Una signora del sud, del Mezzogiorno, di un piccolo paese dell’Irpinia, che si è ritrovata ad un età giovane, meno di 40 anni, a perdere purtroppo il marito Salvatore Ferragamo e a dover portare avanti non solo la famiglia, i sei figli, ma una famiglia più grande, un’azienda, che quel genio del marito aveva costruito. Sto parlando di Wanda Ferragamo che a 38 anni è diventata la capo dell’azienda che Salvatore Ferragamo aveva creato, e che dall’Irpinia alla California era diventato il calzolaio della star come veniva chiamato”.

“Wanda Ferragamo è l’esempio di una donna che ha saputo coniugare valori fortemente radicati nel passato e nella tradizione, con la capacità di trasformare una grande azienda in una multinazionale”, ha aggiunto l’ex segretario del Pd.

“A me piace ricordare Wanda Ferragamo perché era una donna che mi dava consigli, suggerimenti, e mi dava indicazioni su quello che serviva e che non serviva a Firenze, ma soprattutto aveva una dimensione di umanità che non sempre si trova nel mondo delle grandi aziende”, ha concluso Renzi dal palco della Leopolda in corso a Firenze.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background