“Desirée angelo e Cucchi tossico di m…?”, l’affondo della Lucarelli  

Scritto da il 24 ottobre 2018

Desirée angelo e Cucchi tossico di m...?, l'affondo della Lucarelli

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 25/10/2018 15:41

“Quindi Cucchi che spacciava e si drogava vittima delle forze dell’ordine italiane era un tossico di merda, Desirée che era stata denunciata per spaccio e si drogava vittima di stranieri era un angelo volato in cielo. La doppia morale di tanti italiani“. E’ quanto lamenta via social Selvaggia Lucarelli, aprendo un dibattito in rete sui due casi di cronaca della Capitale al momento al centro dell’attenzione mediatica. Il primo è quello di Desirée Mariottini, la 16enne trovata morta nella notte tra giovedì e venerdì scorsi dopo essere stata drogata e stuprata in uno stabile abbandonato a San Lorenzo. Il secondo, meno recente, è quello di Stefano Cucchi, il geometra di 31 anni deceduto il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Sandro Pertini, sei giorni dopo essere stato arrestato per possesso di droga, tornato sotto i riflettori con la recente svolta nel processo sulla sua morte.

Due storie diverse ma entrambe riguardanti giovani vittime, il cui confronto ha dato il via ad una serie di botta e risposta sul web tra la giornalista e alcuni utenti delle rete in disaccordo con le sue dichiarazioni contro “la doppia morale di tanti italiani”. “Che paragoni fai… – attacca un utente – Mi fa specie che sei una mamma…. 16 anni solo, 16 anni una bimba…. Vergognati!!!!”. “E perché, Cucchi non aveva una mamma? A 30 anni un figlio smette di essere figlio? Vergognati tu”, ribatte Lucarelli. “16 anni – ribadisce un altro utente – Quindi sì era un angelo. A prescindere fosse tossicodipendente a prescindere spacciatrice”. “Anche Erika e Omar avevano 16 anni”, osserva la blogger stizzita.

E ancora, “ah non sapevo che Cucchi fosse stato drogato, stuprato e poi massacrato a coltellate”, commenta qualcuno ironico. “C’è una speciale classifica di chi muore peggio? Droga e stupro vs pestaggio e abbandono in ospedale? Apriamo il televoto?”, chiede Lucarelli polemica. “È vero – si legge in un tweet – ma una minorenne è comunque più vulnerabile e per questo va tutelata…”. Commento cui è seguita ancora una volta la replica della blogger: “E perché, un maggiorenne in mano alle forze dell’ordine non va tutelato?”. Infine, a chi sostiene che Desirée “l’hanno resa incosciente, stuprata in gruppo e uccisa a 16 anni” sottolineando che “nel parlare di lei non guasterebbe un po’ di delicatezza” Lucarelli ribatte senza giri di parole: “L’hanno massacrato di botte e lasciato morire in un ospedale. Facciamo che la delicatezza la riserviamo a entrambi eh”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background