Riscaldamento, date e orari  

Scritto da il 25 ottobre 2018

Riscaldamento, date e orari

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 26/10/2018 12:33

Anche se in ritardo, l’autunno sembra ormai essere arrivato davvero. La necessità di accendere il riscaldamento è diventata necessaria un po’ ovunque, non solo al Nord. Ma l’orario e le date di accensione variano da zona a zona, considerando appunto la differenza di clima in Italia.

Le zone sono 6. Per la zona Alpina (F – Cuneo, Belluno e Trento) non ci sono limitazioni di alcun genere (né in termini di ore in cui il riscaldamento può rimanere acceso né per quanto riguarda il periodo dell’anno). Chi abita nella zona E (Padana– province di Alessandria; Aosta; Asti; Bergamo; Biella; Brescia; Como; Cremona; Lecco; Lodi; Milano; Novara; Padova; Pavia; Sondrio; Torino; Varese; Verbania; Vercelli; Bologna; Bolzano; Ferrara; Gorizia; Modena; Parma; Piacenza; Pordenone; Ravenna; Reggio Emilia; Rimini; Rovigo; Treviso; Trieste; Udine; Venezia; Verona; Vicenza; Arezzo; Perugia; Frosinone; Rieti; Campobasso; Enna; L’Aquila e Potenza) ha potuto accendere il riscaldamento già dal 14 ottobre e dovrà spegnerlo il 14 aprile. Sono 14 le ore in cui può restare in funzione.

Per quanto riguarda la zona Appenninica (D– Genova, La Spezia, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo, Vibo Valentia) bisognerà aspettare il primo novembre. E fino al 12 aprile, i termosifoni potranno funzionare per 12 ore. Nella zona C (Adriatica Settentrionale – Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto) dal 15 novembre al 31 marzo il riscaldamento potrà restare acceso per 10 ore al giorno. Nelle zona B (Tirrenica) e A (Sud orientale e Isole) bisogna aspettare il primo dicembre: nella zona B (Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa e Trapani), dove il riscaldamento può funzionare per 8 ore, si dirà basta il 31 marzo mentre nella A (Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle) il limite per accenderlo sono 6 ore fino al 15 marzo.

LIMITI MASSIMI DI TEMPERATURA

Per abitazioni, uffici e negozi sono di 20 gradi, con una tolleranza di due gradi in più visto che la taratura dei termostati delle caldaie può non essere precisa.

LIMITI DI PERIODO E DI ORARIO DI ACCENSIONE

La durata di attivazione degli impianti deve essere compresa tra le ore 5 e le ore 23

Riscaldamento, come risparmiare sulla bolletta


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background