Sciarelli in calo per Tg1 e spunta Mister X  

Scritto da il 26 ottobre 2018

Sciarelli in calo per Tg1 e spunta Mister X

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 27/10/2018 16:53

La partita è aperta, ma solo alle 10,30 di mercoledì prossimo, quando si riunirà il consiglio d’amministrazione Rai si per procedere alle nomine dei direttori di rete e testata, si saprà il risultato. Entro la prossima settimana, raccontano, la maggioranza M5S-Lega dovrà aver sciolto tutti i nodi sul tavolo e mettere la parola fine al totonomine che impazza da giorni. Della griglia dei candidati con relativi curriculum se ne sarebbe parlato al vertice notturno di due giorni fa, a palazzo Chigi, tra Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Matteo Salvini: i tre leader avrebbero raggiunto un accordo di massima, che però presenterebbe ancora alcune incognite. A cominciare dal Tg1. Per l’intesa definitiva bisognerà aspettare almeno fino a domani, e non è escluso che ci possa essere un nuovo vertice ad hoc.

In pole position per la guida dell’ammiraglia dell’informazione Rai, almeno fino ieri, era data Federica Sciarelli, ma, a quanto apprende l’Adnkronos, la sua candidatura avrebbe perso quota. La giornalista, raccontano, nonostante il pressing di M5S e Lega, non avrebbe sciolto la riserva, perché non sarebbe intenzionata a lasciare la conduzione di ‘Chi l’ha visto?’, trasmissione storica. Al suo posto, la più accreditata, riferiscono fonti parlamentari, sarebbe Giuseppina Paterniti, anche se voci sempre più insistenti scommettono che alla fine possa spuntarla un ‘Mister X‘, che grillini e leghisti preferiscono tenere coperto fino all’ultimo momento per non ‘bruciarlo’.

Favorito per il Tg2 sarebbe sempre Gennaro Sangiuliano mentre Luca Mazzà verrebbe confermato al Tg3. Antonio Preziosi, attuale corrispondente da Bruxelles, gradito a Fi, potrebbe correre per Rai Parlamento. In queste ore sarebbe spuntato il nome di Giuseppe Carboni, attuale caporedattore del Tg2, tra i papabili per la guida di una delle testate.

Marcello Ciannamea non dovrebbe avere problemi per la direzione della prima rete e la Tgr sarebbe affidata ad Alessandro Casarin, con Roberto Pacchetti come condirettore. Per la seconda rete restano alte le quotazioni di Maria Pia Ammirati, attuale direttore di Rai Teche. Inoltre sarebbe spuntato anche il nome di Giuseppe Carboni, attuale caporedattore del Tg2, tra i papabili per la guida di una delle testate.

I giochi in ogni caso dovranno chiudersi entro lunedì pomeriggio, quando sui tavoli dei consiglieri d’amministrazione di Viale Mazzini dovranno arrivare curriculum dei candidati da nominare mercoledì mattina, che devono essere a disposizione dei componenti il Cda almeno 24 ore prima del consiglio. Il 6 novembre, infine, è stata convocata la Vigilanza Rai per l’audizione dell’amministratore delegato di viale Mazzini, Fabrizio Salini.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background