Voto in Assia, Merkel di nuovo alla prova delle urne 

Scritto da il 27 ottobre 2018

Merkel di nuovo alla prova delle urne

(Foto Afp)

Pubblicato il: 28/10/2018 12:56

A sentire i sondaggi, le elezioni che oggi si svolgono in Assia non daranno risultati graditi alla cancelliera Angela Merkel, sempre più in difficoltà. La Cdu di Volker Bouffier, che governa dal 2013 in coalizione con i Verdi, crollerebbe dal 38,3% dei consensi al 26% e la destra populista di Afd salirebbe al 12%, facendo il suo ingresso nel Landtag di Wiesbaden, ultimo parlamento regionale ancora non conquistato dal movimento anti-immigrati. Gli stessi sondaggi premiano i Verdi – reduci dal successo di due settimane fa in Baviera, dove sono diventati secondo partito – che dovrebbero conquistare anche qui senza fatica il secondo posto.

Il primo nodo da sciogliere sarà, a livello regionale, quello del governo: la Cdu potrebbe dover dare vita ad una scomoda coalizione a tre con i Verdi e con i Liberali della Fdp, riavviando sul piano regionale il tentativo negoziale promosso da Merkel a Berlino dopo le elezioni federali del settembre 2017 e bruscamente interrotto dalla decisione del leader Fdp Christian Lindner di lasciare il tavolo delle trattative. Ma Bouffier – preconizzano gli analisti – potrebbe anche rischiare di più, ed essere costretto a rinunciare al governo cedendo il posto ad una coalizione rosso-rosso-verde, Spd, Linke, ambientalisti.

Un rischio che sia la cancelliera sia il governatore hanno ben presente: a Kassel, nei giorni scorsi, hanno lanciato entrambi un appello agli elettori, esortandoli a votare Cdu come “segnale contro gli esperimenti di sinistra”, come ha detto la cancelliera. “L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno in questo stato è una maggioranza di sinistra”, le ha fatto eco il premier.

Gli altri nodi dovranno essere sciolti a Berlino, se il voto di oggi confermerà le previsioni della vigilia: un altro duro colpo ai partiti conservatori dell’Unione, Cdu e Csu, dopo quello subito in Baviera dagli alleati cristianosociali di Merkel, contribuirà ad indebolire ulteriormente la cancelliera a livello politico interno. “La guerra nella Cdu è destinata a proseguire”, commenta l’analista Wolfgang Schroeder, alludendo allo scontro di potere in atto tra corrente moderata e ala destra del partito in previsione di un dopo-Merkel. Difficilmente dopo un insuccesso in Assia la leader cristianodemocratica potrebbe ricandidarsi alla guida della Cdu (che dirige da 18 anni, 13 dei quali da cancelliere) al congresso del partito a dicembre.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background