E’ arrivata l’influenza  

Scritto da il 4 novembre 2018

E' arrivata l'influenza

(Afp)

Pubblicato il: 05/11/2018 15:09

Identificato dal Laboratorio di Igiene e Sanità pubblica dell’Università di Parma il primo virus influenzale della stagione. Il virus, di tipo A/H3N2, è stato isolato da un tampone faringeo di una 27enne ricoverata senza patologie croniche, che presentava una sintomatologia influenzale acuta con febbre alta, tosse, mal di gola, astenia e dolori muscolari. A identificare il patogeno i ricercatori del Laboratorio che è Centro di riferimento della Regione Emilia-Romagna e fa parte dei Laboratori accreditati della rete InFlunet.

Successive indagini “permetteranno di valutare l’omologia antigenica del virus isolato con il ceppo vaccinale utilizzato questa stagione”, si legge in una nota. I ricercatori del Laboratorio Paola Affanni, Maria Eugenia Colucci e Marialuisa Tanzi ne hanno dato comunicazione, come da protocollo, all’Ausl di Parma e all’Istituto Superiore di Sanità. “Questa notizia – sottolinea Carlo Signorelli, ordinario di Igiene all’Università di Parma – è di buon auspicio nell’anno in cui il nostro gruppo di ricerca, oltre alle attività istituzionali come la sorveglianza virologica dei virus influenzali circolanti, è impegnato, con il supporto di Fondazione Cariparma, in un’attività di promozione delle campagne vaccinali in adulti e anziani, che riguardano non solo il vaccino antinfluenzale ma anche quello antipneumococcico e anti-herpes zoster”.

“Il virus isolato a Parma è un A/H3N2, mentre in Puglia è stato identificato l’A/H1N1”, dice all’AdnKronos Salute Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. “L’H3N2 ha circolato poco la scorsa stagione in Italia, a differenza dei Paesi anglosassoni – spiega – E bisogna dire che il virus A, rispetto al B, tende a colpire di più gli anziani e a dare più ospedalizzazioni. E’ davvero importante raccogliere l’invito alla vaccinazione”.

Quello isolato a Parma è un ceppo “presente sia nel vaccino tetravalente, che in quello trivalente adiuvato, consigliato nei grandi anziani”, ricorda l’esperto. La composizione vaccinale 2018/2019 prevede infatti: A/Michigan/45/2015 (H1N1) – presente anche nel vaccino 2017-2018; A/Singapore/INFIMH-16-0019/2016 (H3N2) – nuova variante; B/Colorado/06/2017 (lineaggio B/Victoria) – nuova variante. L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda inoltre, nel caso dei vaccini quadrivalenti, l’inserimento del virus B/Phuket/3073/2013-like (lineaggio B/Yamagata), in aggiunta ai tre precedenti.

Come difendersi allora? “La protezione dei più fragili e degli anziani si attua con la vaccinazione, consigliata anche alle persone che li circondano. Quest’anno – conclude Rezza – mi aspetterei una circolazione più ampia proprio dell’H3N2 nel nostro Paese, ma l’andamento resta sempre un’incognita”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background