Ex sindaco anti-abusivi: “Ora basta slogan”  

Scritto da il 4 novembre 2018

Ex sindaco anti-abusivi: Ora basta slogan

L’ex sindaco Cambiano

Pubblicato il: 05/11/2018 16:12

“Oggi non è il giorno della polemica, ma quello del cordoglio per le vittime. E’ il momento della riflessione e del dolore. Ma una cosa va detta: per la gestione di un fenomeno complesso, qual è quello dell’abusivismo, serve buonsenso. Da parte di tutti. Occorre evitare slogan e interventi solo in prossimità di campagne elettorali e di tragedie e lavorare, invece, in maniera responsabile per la gestione del territorio tutti i giorni”. A dirlo all’Adnkronos è Angelo Cambiano, l’ex sindaco ‘anti abusivi’ di Licata (Agrigento), sfiduciato nell’agosto del 2017 dal Consiglio comunale, proprio dopo una ‘battaglia’ condotta in solitudine contro l’abusivismo nel grosso centro dell’Agrigentino.

Un protocollo d’intesa firmato con la Procura della città dei templi e 90 immobili abusivi abbattuti durante la sua sindacatura gli sono valsi l’onore delle cronache e l’etichetta di ‘simbolo’. Ma anche una raffica di intimidazioni: minacce, proiettili e due immobili incendiati. “Per due anni e mezzo ho vissuto sotto scorta con la casa sorvegliata h24 – ricorda -. Sono stati giorni terribili, ma tornando indietro rifarei tutto quello che ho fatto”. L’appellativo di simbolo a Cambiano sta stretto. “Ho fatto solo il mio dovere – ribadisce -: rispettare la legge ed eseguire gli ordini di demolizione. Se per questo vengo indicato come un ‘simbolo’ allora significa che c’è qualcosa che non va, che il sistema non funziona”.

“Sono stato sfiduciato dalla politica e mortificato dalle istituzioni” denuncia l’ex sindaco, papà di due bimbi di due anni e sei mesi che oggi, con una laurea in Informatica in tasca, insegna matematica in un istituto superiore a Licata. Il grosso centro dell’Agrigentino non l’ha voluto abbandonare, anche se, ammette, “ho vissuto dei momenti terribili e ancora oggi è difficilissimo”. Da giugno gli è stata tolta la scorta, ma continua a vivere armato. “La visibilità mediatica ti aiuta nell’immediato, poi, però, ti rendi conto che vivi nel territorio da solo, oltraggiato e minacciato”. A Licata, anche dopo la sua sfiducia le demolizioni di case fuorilegge sono andate avanti. Complessivamente sono circa 160 gli immobili buttati giù. “E’ passato un messaggio sbagliato – dice adesso Cambiano -: che quelle demolizioni erano una mia battaglia personale, quando, invece, mi sono limitato a rispettare la legge”.

“Portare avanti procedimenti di demolizione – dice ancora l’ex sindaco – non è semplice in questa terra. Io ho fatto il mio dovere, non dovevo essere un simbolo, ma un normale giovane amministratore che crede nelle potenzialità del proprio territorio e che ritiene che dal rispetto delle regole passa lo sviluppo e la sicurezza dei cittadini. Purtroppo questa è la terra di Pirandello ma anche di Tomasi di Lampedusa, in cui si vuole cambiare tutto per non cambiare nulla”. Secondo Cambiano, però, quello dell’abusivismo “non è un fenomeno che può essere gestito solamente dai sindaci che sono in prima linea e pagano lo scotto dei segni di abbandono nel territorio”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background