M5S e Lega ai ferri corti  

Scritto da il 5 novembre 2018

M5S e Lega ai ferri corti

(Fotogramma)

Pubblicato il: 06/11/2018 06:45

M5S e Lega ai ferri corti sulla prescrizione nel ddl anticorruzione. Un summit al ministero di via Arenula tra i parlamentari pentastellati e quelli del Carroccio alla presenza del Guardasigilli Alfonso Bonafede, e una lunga riunione congiunta della commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera durata fino a sera, non sono bastati ieri a trovare un compromesso. Ognuno resta sulle sue posizioni, è stallo.

Spetterà ai leader Luigi Di Maio e Matteo Salvini sbrogliare la matassa che col passare delle ore si fa sempre più ingarbugliata. I due vicepremier, però, sono entrambi impegnati all’estero (il ministro del Lavoro in Cina, quello dell’Interno nel Ghana) e questo rende tutto più difficile. Non c’è tempo da perdere. Oggi pomeriggio si voterà sugli emendamenti e bisognerà correre ai ripari. Il premier Giuseppe Conte proverà a mediare ancora una volta.

A fine giornata ieri si è fatto sentire il segretario di via Bellerio, che mantiene il punto: “Riforma della giustizia, e anche della prescrizione, sono nel contratto di governo e diventeranno realtà: mettere in galera mafiosi e corrotti è una priorità della Lega. L’importante è farle bene queste riforme, evitando che i processi durino all’infinito anche per gli innocenti, altrimenti è una sconfitta per tutti”. La grana scoppia in commissione, a Montecitorio, durante la riunione nella sala del Mappamondo. L’emendamento ‘incriminato’ è quello che prevede lo stop alla prescrizione dopo il primo grado, a prescindere dalla sentenza di assoluzione o condanna: viene ritirato e poi riformulato da M5S per sfuggire alle forche caudine dell’inammissibilità.

La Lega, per bocca di Igor Iezzi, non ci sta: ”Serve una legge ad hoc, non si può ottenere una riforma con un emendamento di solo tre righe cui è stato cambiato solo il titolo…”. Anche le opposizioni puntano i piedi (”Non sanno che pesci prendere, litigano su tutto”) e chiedono di chiarire il giallo tecnico sull’ammissibilità o meno dell’emendamento grillino. I relatori Cinque stelle Francesca Businarolo e Francesco Forcinit ne presentano altri tre. Di fronte all’impasse la presidente della Giustizia, Giulia Sarti, è costretta a riaggiornare i lavori a questa mattina. “L’ufficio di presidenza è convocato per le 9.-9.30”, annuncia. Il nervosismo è palpabile tra i parlamentari grillini e quelli leghisti.

Iezzi è sconsolato: ”Non dovevamo arrivare a questo punto”. Il Pd, per bocca di Emanuele Fiano, non ha dubbi: ”Non c’è una questione tecnica ma politica che blocca tutto. In corso c’è un forte scontro politico tra M5S e Lega che sono in totale disaccordo, fanno a cazzotti su tutto, sia al Senato che alla Camera. Naturalmente, come sempre capita in questi casi, ci vanno di mezzo gli italiani perché questa è una bomba atomica sui processi…”. ”Questo emendamento prima ritirato poi ripresentato -insiste- è una vera e propria presa per i fondelli…”. Enrico Costa e Giusi Bertolozzi di Fi, Giovanni Donzelli di Fdi, considerano l’emendamento pentastallato un “escamotage” per ”prendere tempo” e contestano con forza la scelta di rinviare ogni decisione a oggi.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background