Governo in stallo  

Scritto da il 6 novembre 2018

Governo in stallo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 07/11/2018 07:48

Noi leali su sicurezza ma loro leali su prescrizione“. Il messaggio del M5S è chiaro. Dopo il congelamento del vertice tra il premier Giuseppe Conte e i due vice, Luigi Di Maio e Matteo Salvini previsto ieri sera, continua così il braccio di ferro tra M5S e Lega sulla riforma della prescrizione contenuta nel ddl anticorruzione, ormai legata indissolubilmente al dl sicurezza. “Salvini si ricordi che il suo decreto legge deve essere ancora votato dalla Camera – è il ragionamento dei vertici M5S fatto all’Adnkronos – e che il ddl anticorruzione è calendarizzato alla Camera (12 novembre) prima del decreto sicurezza. Se slitta l’anticorruzione, muore il decreto sicurezza”.

Per tutta la giornata di martedì si sono succeduti rinvii e sospensioni sul dl, fino a quando il governo, per bocca del ministro per i Rapporti con il Parlamento Fraccaro, ha posto la questione di fiducia al Senato sul maxi emendamento integralmente sostitutivo del decreto. Fiducia che ha generato ulteriori polemiche nell’opposizione. Al punto che è diventato un giallo il caso del Consiglio dei ministri che l’ha autorizzata, con tanto di proteste del Pd a palazzo Madama. “Abbiamo chiesto esplicitamente al ministro Fraccaro – ha detto il capogruppo dem Marcucci – di dirci se e quando un Consiglio dei ministri ha autorizzato a porre la fiducia sul testo. Altrimenti dobbiamo pensare a un Cdm ‘fantasma’. Per i 5S ha replicato il capogruppo del MoVimento al Senato, Patuanelli, che ha parlato di “atto endogovernativo” definendo “patetico” l’attacco di Marcucci.

In attesa del chiarimento tra i partner di governo, Salvini non sembra comunque volere arretrare di un passo: “Di innocenti in galera ne abbiamo visti tanti, quindi la prescrizione va cambiata. Voglio una giustizia che dia tempi certi, un processo non può durare dieci anni, un processo deve durare 2-3”. Tuttavia il titolare del Viminale assicura: “Sono sicuro che, come abbiamo sempre fatto in questi mesi, insieme a Conte e Di Maio, troveremo la quadra, non litigheremo e così gli amici dei tg e dei giornali avranno altro di cui scrivere”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background