Tor Vergata, verso laurea comune con 7 atenei europei  

Scritto da il 11 novembre 2018

Tor Vergata, verso laurea comune con 7 atenei europei

Bandiere

Pubblicato il: 12/11/2018 19:03

Mangiare alla mensa dell’Università di Maastricht (Paesi Bassi) con lo stesso tesserino con cui si entra in biblioteca a Tor Vergata, o si registrano gli esami ad Anversa (Belgio). Sembra fantascienza, ma presto sarà realtà: ne stanno discutendo in queste ore 7 atenei europei all’Università romana di Tor Vergata. “L’obiettivo è quello di creare lo studente europeo, non più grazie all’Erasmus ma alla condivisione di programmi, corsi e servizi: un network che permetterà allo studente, ad esempio, di immatricolarsi a Tor Vergata, fare 6 mesi in ciascun ateneo del network e poi uscire con una laurea rilasciata da 7 università europee”, spiega all’Adnkronos Salute il rettore Giuseppe Novelli.

Una sorta di ‘double degree’ declinato per sette, dunque. “Ne stiamo parlando in queste ore con rappresentanti e studenti delle Università di Anversa, Maastricht, Brema (Germania), Essex (UK, Brexit permettendo), Eastern Finland, Carlos III di Madrid (Spagna), in un confronto comune e fattivo”. Un progetto su cui Novelli scommette convinto: “Stiamo definendo le materie, sulla base dei programmi di studio in comune. Ci sarà una laurea in Business Administration e una in Scienze umane – anticipa – Mentre con Anversa stiamo pensando a Medicina”.

Tor Vergata è un’antesignana nel campo delle ‘doppie lauree‘, “da 15 anni con l’Università Cattolica di Tirana abbiamo un double degree in Medicina con titolo congiunto. E proprio oggi stiamo discutendo su un progetto di Ingegneria ambientale con la Tsinghua University cinese, fra le più prestigiose al mondo”.

All’origine del progetto studiato su misura per lo studente europeo c’è un’iniziativa voluta dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2017, che ha portato alla nascita delle Young Universities for the Future of Europe alliance, un’alleanza battezzata Yerun (Young European Research Universities Network) fra Maastricht University (capofila), University of Antwerp, University of Bremen, Università di Roma Tor Vergata, University of Eastern Finland, the University Carlos III of Madrid e University of Essex.

Il futuro “per noi è quello dello studente europeo. Ma se si vuole aprire anche alla possibilità di una doppia laurea italiana, come sembra trapelare da notizie di stampa, penso che non sarebbe affatto male”, aggiunge il rettore di Tor Vergata. “Questa soluzione, ostacolata da poche righe di una vecchia legge, permette di frenare il flusso massiccio di studenti che migrano da Sud a Nord. Permettendo anche ‘scambi’ di studenti e docenti e favorendo la complementarietà”, conclude.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background