Manutencoop compie 80 anni e diventa ReKeep  

Scritto da il 13 novembre 2018

Manutencoop compie 80 anni e diventa ReKeep

(Foto dal sito www.rekeep.com)

Pubblicato il: 14/11/2018 09:56

L’azienda di facility management più importante d’Italia, Manutencoop compie 80 anni e per l’occasione cambia nome in ReKeep. Per celebrare un anniversario così importante l’azienda, che opera in tutta Europa, torna a Bologna, dove tutto nacque nel 1938 da 16 operai che si unirono e fondarono la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie” per lavorare con gli appalti delle Ferrovie dello Stato.

Oggi l’azienda ha festeggiato portando al Teatro Comunale fino al 18 novembre “Siedi, leggi e viaggia! La biblioteca di Rekeep” un tour itinerante che ha toccato le città di Firenze, Verona, Catania e ora Bologna. Oltre 800 volumi di letteratura straniera (tradotti in italiano) – selezionati dalla giornalista e scrittrice Loredana Lipperini – consultabili nella biblioteca allestita e che al termine dell’iniziativa vengono donati alle città visitate. Oltre 3.200 volumi che andranno ad arricchire i fondi librari cittadini disponibili per il prestito.

La scelta sui libri di letteratura internazionale non è casuale. Rekeep è una azienda che oggi ha un giro d’affari di 1 miliardo di euro, 17 mila dipendenti in tutta Italia di cui 3 mila stranieri di 90 nazionalità diverse. Dal 13 al 18 novembre il Foyer del Teatro Comunale di Bologna apre quindi le porte alla multiculturalità e all’integrazione. A Bologna, inoltre, un ricco calendario di iniziative, a partire da due appuntamenti dedicati alla città: come la proiezione domenica del documentario a cura di Michele Mellara e Alessandro Rossi sulla storia del Gruppo: dalla nascita durante il periodo fascista , fino alla formazione di ManutenCoop e poi l’approdo in ReKeep. In più , ogni giorno dalle 11.00 alle 12.30, letture e presentazioni con Federico Rampini, Tommaso Labate e tanti altri.

“Dopo un tour nei principali capoluoghi italiani questa nostra iniziativa arriva finalmente nella città dove siamo nati – ha commentato Claudio Levorato, Presidente di Manutencoop Società Cooperativa – che ci ha visto crescere in questi 80 anni. In quegli anni non esistevano ancora ne le terminologie inglesi (facility management) ma nemmeno quelli che facevano quel tipo di mansioni. La Cooperativa per le manovalanze ferroviarie nacque da 16 carbonini che spalavano il carbone per le ferrovie dello Stato allo scalo di San Donato“.

“Oggi -aggiunge Levorato- il lavoro è tutt’altro, ovviamente, il termine facility mangement significa genericamente assicurare la funzionalità degli edifici attraverso attività manutentive e le nuove attività che riguardano l’efficienza energetica. I valori, i sentimenti sono però ancora quelli dell’origine, perché la scelta cooperativa di quegli uomini fu una scelta di sentimenti: solidarietà rispetto gli uni verso gli altri , la ricerca del bene comune. Questi sono valori identitari che anche oggi reggono e sono un tratto distintivo nostro e delle genti di ReKeep”.

Alla Presentazione di “Siedi leggi e viaggia! La biblioteca di ReKeep” , celebrazione degli 80 anni di Manutencoop è intervenuto anche Giuliano Di Bernardo Ad e Presidente Rekeep: “Sono molto orgoglioso di raccogliere questo testimone di 80 anni di storia gloriosa. Oggi stiamo guardando i confini extranazionali, da qui anche il cambio del nome in inglese. Abbiamo vinto un appalto in Francia dove puliamo i treni della Societe Nationale des Chemins de fer, abbiamo dei business in Turchia in ambiente ospedaliero e stiamo guardando tutta l’Europa orientale. In questi 80 anni il nostro lavoro si è ingegnerizzato, le menti coadiuvano molto il lavoro manuale, il lavoro delle pulizie è si un lavoro umile ma si sta sofisticando e noi abbiamo colto la sfida di questo cambio di passo che il facility management richiede in tutta Europa”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background