Volontaria rapita, chi sono gli al-Shabaab  

Scritto da il 21 novembre 2018

Volontaria rapita, chi sono gli al-Shabaab

Immagine di repertorio (Xinhua)

Pubblicato il: 22/11/2018 11:04

Ore di ansia per Silvia Romano, la volontaria italiana di 23 anni rapita martedì da un commando di uomini armati durante un attacco a Chakama, in Kenya. Al momento non sono giunte rivendicazioni e nessuna ipotesi può essere esclusa. Dalla polizia kenyota è stato soltanto reso noto che i rapitori sono di origine somala. Secondo alcune fonti locali, dietro al sequestro potrebbe esserci l’ombra dei miliziani di al-Shabaab. Ecco chi sono.

Emersi nel 2006 dopo la sconfitta dell’Unione delle Corti Islamiche da parte del Governo Federale di Transizione, gli al-Shabaab, ‘i Giovani’, rappresentano il gruppo islamico più potente e attivo in Somalia. Dal 2012 sono formalmente riconosciuti come cellula locale di al-Qaeda e sono inseriti nella lista delle organizzazioni terroristiche di numerosi governi e servizi di sicurezza occidentali.

Tra gli obiettivi del gruppo, quello di instaurare in Somalia la Sharia, la legge islamica, nella rigida applicazione wahhabita. Espulso da Mogadiscio nell’agosto 2011 e dal porto di Kismayo nel settembre 2012, il movimento islamico controlla ancora gran parte delle zone rurali nel sud del Paese, dove le donne accusate di adulterio vengono lapidate e ai ladri sono amputate le mani.

La sua forza è stimata in settemila-novemila uomini, con un netto calo rispetto ai 14.426 guerriglieri stimati nel maggio del 2011. Il calo di miliziani è dovuto sia a screzi interni tra leader somali e la leadership centrale di al-Qaeda, sia all’azione del governo di transizione che dal 2012, grazie al sostegno della comunità internazionale, è riuscito ad agire con forza contro gli estremisti islamici.

Il leader degli al-Shabaab è attualmente Ahmed Omar Abu Ubeyda, dopo che il suo predecessore – Moktar Ali Zubeyr, anche noto come Ahmed Godane – è stato ucciso nel settembre del 2014 in un raid aereo americano. Nel febbraio 2012 Godane aveva rilasciato un video nel quale ”prometteva di obbedire” al leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri.

Oltre all’applicazione della Sharia, un altro obiettivo chiave della missione degli al-Shabaab è l’espulsione dalla Somalia dei soldati stranieri, in primis quelli etiopi e kenioti. Ed è proprio contro il Kenya, responsabile di aver mandato propri militari a combattere il gruppo estremista in Somalia, che si sono scatenate le peggiori azioni all’estero dei miliziani somali, compreso l’attentato del 1996 contro l’ambasciata Usa a Nairobi e nel 2002 contro obiettivi israeliani attorno a Mombasa. L’attacco più sanguinoso resta quello al centro commerciale Westgate a Nairobi nel settembre del 2013 costato la vita a 68 persone.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background