M5S, scoppia caso Corleone   

Scritto da il 22 novembre 2018

Bufera su candidato Corleone, Di Maio annulla comizio I politici e le foto 'inopportune'

(Fotogramma)

Pubblicato il: 23/11/2018 17:52

E’ bufera sul candidato sindaco di Corleone del Movimento 5 Stelle, Maurizio Pascucci, per le dichiarazioni in cui afferma di voler “riaprire il dialogo con i parenti dei mafiosi” e una foto con un nipote di Provenzano postata sui social. Il vicepremier Luigi Di Maio, atteso in serata a Corleone per un comizio di chiusura della campagna elettorale, ha deciso di annullare l’incontro. “Volevo avvisare tutti voi che non andrò a Corleone come inizialmente previsto. Ho aperto il cellulare e tra le news c’era questa notizia data dal nostro candidato sindaco M5S” il quale ha detto che “voleva aprire al dialogo con i parenti dei mafiosi. E questa dichiarazione fa il paio con una foto sua in un bar, con il nipote di Provenzano” dice Di Maio in un video su Facebook.

“Sono sicuro che quella dichiarazione sia stata fatta in buona fede ma quel concetto è pericolosissimo. I voti di quelli non li vogliamo e ci fanno schifo“, rimarca il vicepremier, che spiega: “Non posso correre il rischio che stasera lo Stato vada lì dopo che c’è stato un appello al dialogo con le famiglie dei mafiosi. Quindi mi dispiace”. Di Maio aggiunge: “Andremo avanti con la lotta alla criminalità organizzata. Faremo piazza pulita di corrotti e mafiosi molto presto”. “Le famiglie che meritano attenzione e vicinanza sono quelle delle vittime di mafia. Quelle che hanno subito un lutto perché qualche mafioso gli ha ammazzato il padre, il figlio, il nipote. Quelle sono le famiglie a cui noi vogliamo bene e a cui vogliamo dare una grande mano”, ribadisce il vicepremier.

PASCUCCI CHIEDE SCUSA – “Chiedo scusa a Di Maio ma quella foto con il nipote di Provenzano è stata concordata con lo staff e il deputato di riferimento di Corleone (Giuseppe Chiazzese ndr) – dice il candidato M5S – E’ stata frutto di una scelta precisa, perché volevamo dare un segnale e non per chiedere i voti dei mafiosi, anzi per evidenziare la presa di distanza del nipote di Provenzano dalla mafia”. “Mi dispiace per quanto accaduto, chiedo scusa a tutti“, aggiunge Pascucci che sta valutando il ritiro della candidatura.

Io non li voglio i voti dei mafiosi e lo dirò al comizio stasera – sottolinea parlando con i giornalisti – Sono a Corleone da 14 anni e combatto contro la mafia e i mafiosi, quindi mai e poi mai posso pensare di arrivare a un compromesso con loro”. “Il fatto è molto semplice – spiega – ci sono dei parenti di mafiosi condannati che prendono le distanze dai loro congiunti e non è giusto che questi parenti siano esclusi per tutta la loro vita dalla comunità. Solo a questa condizione, se loro prendono le distanze dai loro congiunti che hanno commesso dei reati gravissimi penso che si possa aprire con loro un dialogo per farli uscire da una dinamica che li colpevolizza in quanto i parenti dei mafiosi non hanno commesso dei reati”. Alla domanda se rompe con il M5S, risponde: “No, nessuna rottura. Io mi scuso con Di Maio e con i cittadini che hanno pensato che io volessi i voti dei mafiosi”. “Se sono pentito di quella foto con il nipote di Provenzano? L’argomento deve essere sviscerato fino in fondo – dice Pascucci – Penso che se c’è un parente di un boss che ha il coraggio di dire che non vuole più un rapporto di quel tipo debba essere aiutato a trovare un percorso. Queste persone gestiscono un bar e non hanno precedenti penali”.

GIARRUSSO LO LICENZIA – Pascucci non sarà più l’assistente parlamentare del senatore 5 Stelle Mario Michele Giarrusso. “Al momento – dice Giarrusso all’Adnkronos – non esistono le condizioni per proseguire la collaborazione”. Pascucci, rimarca il parlamentare siciliano, “si dovrebbe ritirare dalla corsa. Le dichiarazioni che ha fatto non appartengono alla mia storia, non le condivido. Noi siamo dalla parte delle vittime della mafia, con loro vogliamo dialogare”. Giarrusso si dice “stupefatto”: “Non ho mai avuto idea di queste follie. Condivido parola per parola Di Maio”, che ha deciso di disertare il comizio inizialmente in programma questa sera a Corleone. “Con Luigi – prosegue – ci siamo sentiti via Whatsapp: è rimasto stupefatto come me. Stavo andando a Corleone, ma ho girato la macchina e sono tornato a casa anche io…”.

IL POST DI CHIAZZESE – “Disinneschiamo qualche bugia nei nostri confronti e soprattutto nei confronti di chi ogni mattina all’alba si alza per andare a lavorare e per assicurare un futuro alla propria famiglia. Un grande abbraccio a Salvatore Provenzano ed allo staff dello York Bar” scriveva due giorni fa su Fb il deputato M5S Giuseppe Chiazzese, condividendo la foto che vede il candidato sindaco grillino a Corleone in compagnia di Salvatore Provenzano. “Grazie tante”, è la risposta di Provenzano alla foto, con tanto di faccine sorridenti.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background