Assaltato bus Boca, calciatori feriti  

Scritto da il 23 novembre 2018

Pubblicato il: 24/11/2018 20:53

Disordini e feriti, anche tra i giocatori. La finale di ritorno della Coppa Libertadores è stata posticipata di un’ora, alle 18 ora locale, le 22 italiane, dopo quanto accaduto all’esterno dello stadio di Buenos Aires, il Monumental. A quanto riporta la televisione argentina ‘TN’ il centrocampista Pablo Perez, ferito al braccio e agli occhi, è stato trasferito in ospedale assieme al compagno di squadra Gonzalo Lamardo.

A partire dall’arrivo del pulmann che portava la squadra del Boca Junior, intorno alle 15.20 locali, a poco meno di due ore dall’inizio della finalissima con il River Plate, è scoppiato il caos. Un gruppo di tifosi che aspettava di entrare nello stadio ha preso di mira il mezzo con un lancio di pietre. Gli agenti non erano presenti o non in numero sufficiente, commenta El Clarin e quando sono arrivati era ormai tardi.

Per disperdere i tifosi la polizia ha poi fatto uso di gas lacrimogeni e il risultato è stato che i giocatori del Boca sono entrati negli spogliatoi con ferite da taglio per via dei vetri mandati in frantumi dalle pietre e con evidenti difficoltà di respirazione a causa dei gas. L’uso di lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine per disperdere i tifosi del River ha provocato, inoltre, intossicazione e attacchi di vomito a sei calciatori delle ‘xeneizes’: Carlos Tevez, Fernando Gago, Julio Buffarini, Agustin Almendra, Nahitan Nandez e Dario Benedetto. “I giocatori sono tutti feriti, non si può quindi giocare”, ha commentato il dirigente del Boca, Christian Gribaudo.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background