La débâcle della Roma  

Scritto da il 23 novembre 2018

La débâcle della Roma

(Fotogramma)

Pubblicato il: 24/11/2018 17:19

Brutto ko dei giallorossi in piena emergenza e con la testa parzialmente già all’importante appuntamento di martedì sera in Champions League con il Real Madrid, a sua volta battuto 3-0 dall’Eibar. L’Udinese di Davide Nicola, alla prima sulla panchina friulana, si impone sulla Roma al Friuli, per 1-0, nel primo anticipo del sabato della Serie A valido per la 13esima giornata.

La rete decisiva è siglata dall’argentino De Paul al 9′ del secondo tempo. Con questo successo l’Udiense sale a 12 punti mentre la squadra di Di Francesco resta ferma a 19. La Roma doveva vincere per cercare di riavvicinare il quarto posto e l’Udinese lo doveva fare per uscire dalla zona retrocessione, è stata più forte la seconda motivazione. La squadra di Di Francesco già priva di Manolas, De Rossi, Pastore e Perotti e con Florenzi non al meglio, perde anche Olsen prima della gara, che ha accusato un risentimento muscolare al flessore nella rifinitura, e lancia tra i pali Mirante affidando la fascia destra a Santon, reduce dall’influenza. Al centro della difesa accanto a Jesus si rivede Fazio, promosso capitano, mentre a sinistra è regolarmente al proprio posto Kolarov che si è ripreso dal problema al piede accusato in nazionale. Davanti Schick viene preferito a Dzeko, mentre Kluivert vince il ballottaggio sulla fascia destra con Under. Sul fronte opposto Nicola, all’esordio sulla panchina bianconera decide di cambiare modulo e passa dal 3-4-2-1 di Velazquez al 3-5-2 promuovendo in difesa, dove si rivede dopo la squalifica Nuytinck, Troost-Ekong, rilanciando a centrocampo Behrami e avanzando De Paul in attacco, vista l’indisponibilità di Lasagna.

Primo tempo senza grandi occasioni. Alla Roma non è bastato un netto predominio territoriale per chiudere la prima frazione avanti. I giallorossi hanno dominato a centrocampo, ma hanno faticato a costruire veri pericoli per la porta avversaria. Al 7′ Pellegrini serve El Shaarawy dopo una bella trama di prima, ma il destro a giro dell’attaccante dal limite è bloccato a terra da Musso e la migliore occasione arriva con Schick che di testa da favorevole posizione spedisce il pallone tra le braccia di Musso. Ad inizio ripresa, al 9′ arriva la doccia fredda. Pussetto di tacco lancia in verticale De Paul che salta in dribbling prima Santon e poi Fazio e batte Mirante in uscita con un preciso destro sul primo palo. La Roma reagisce e sfiora il pari al 13′. Sull’angolo dalla destra Nzonzi solo da pochi passi mette di testa un metro a lato alla destra di Musso, poi ci prova Pellegrini ma è ancora bravo il portiere bianconero. Al 17′ ancora Udinese in gol. Sul lancio in verticale di De Paul, Pussetto controlla il pallone prima con il petto e poi con il braccio e, infine, scavalca con un pallonetto Mirante in uscita. Interviene il var che spinge l’arbitro ad annullare giustamente la rete. A questo punto Di Francesco fa entrare prima Under per Kluivert e poi Dzeko per Schick. L’attaccante bosniaco ci prova, si danna l’anima ma non sfonda. Anche Pellegrini ed El Shaarawy ci prova senza fortuna. La Roma attacca e si scopre lasciando il fianco prima a Pussetto e poi a Machis che non puniscono ulteriormente Mirante. Nel finale ci prova anche l’ultimo entrato Zaniolo ma la debacle è servita.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background