GoEuro, nuova brand identity e ingresso in mercato traghetti  

Scritto da il 27 novembre 2018

GoEuro, nuova brand identity e ingresso in mercato traghetti

Naren Shaam, Ceo e fondatore di GoEuro

Pubblicato il: 28/11/2018 10:06

E’ la piattaforma multimodale leader di mercato che sta cambiando il modo di prenotare i viaggi, consentendo di cercare treni, autobus, voli e ora anche traghetti, e acquistare i biglietti, con un solo click. A 5 anni dalla sua fondazione, GoEuro è oggi presente in 36 paesi e offre un servizio completo in 15 di essi. Sulla piattaforma sono disponibili i biglietti di oltre 800 operatori dei trasporti, per un totale di 100.000 tratte acquistabili direttamente sul sito. Dalla sua nascita, ha raccolto finanziamenti per un totale di 300 milioni di dollari ed è una delle aziende più tecnologiche del settore dei viaggi e più promettenti.

In questi giorni, sta lanciando la sua nuova brand identity e annuncia la completa integrazione dei voli, che ora possono essere acquistati direttamente su goeuro.it (in precedenza questo era possibile solo per i trasporti di terra), e il suo ingresso nel mercato dei traghetti, a partire proprio dall’Italia.

“Abbiamo fatto tanta strada – afferma Naren Shaam, Ceo e fondatore di GoEuro – ma ne abbiamo ancora molta da fare. Oggi siamo la piattaforma di mobile ticketing più ampia, siamo presenti in 36 paesi, di cui 15 sono il nostro ‘core’. La sfida è quella di spostare il cliente da un unico modo di muoversi a una pluralità di possibilità che può prendere in considerazione, mettendole a confronto. Quindi, quello che offriamo è una reale semplificazione grazie all’innovazione tecnologica. Il cliente può fare l’esperienza dell’intero viaggio, anche multiplo, solo con una transazione. E nei prossimi mesi usciremo con dei prodotti mai visti prima nel mercato”.

Quale la ricetta del successo della startup? “A premiarci – risponde Naren Shaam – è stato, credo, il focus che abbiamo tenuto sui clienti e le loro esigenze. La nostra filosofia è stata fin dall’inizio quella di capirne i veri problemi. Abbiamo intuito la necessità di avere una copertura geografica più ampia possibile, quindi prima ci siamo ampliati e poi siamo andati in profondità. Poi, avendo di fronte un sistema molto complesso da gestire come quello dei trasporti, è stato importante sviluppare le giuste competenze. Ma, al tempo stesso, essere tolleranti verso gli errori: in una startup è importante anche imparare a sbagliare, perché questo è sfidante. Ecco, credo che questi aspetti siano la ricetta del nostro successo”.

Ma GoEuro rappresenta anche un ‘osservatorio’ privilegiato del mercato turistico. “Cerchiamo di anticipare – sottolinea – e andare incontro alle nuove tendenze del trasporto. Se oggi ancora il 60% dei mezzi, che sono soprattutto locali, è off line, in futuro quasi tutto sarà mobile. Un sistema unificato di prenotazione, quindi, renderà tutto più semplice. Le persone possiedono sempre meno l’auto, da un lato, e l’industria turistica, dall’altro, continuerà a crescere su scala globale. E c’è ancora tanto da fare sul fronte dell’innovazione, penso ad esempio alla realtà aumentata”.

L’Italia è uno dei mercati su cui GoEuro punta di più al momento. “In Italia, quello dei trasporti, soprattutto su gomma, è un mercato molto frammentato. Se pensiamo ai bus, spesso è difficile persino sapere dove si trovano le fermate, e questo è ciò di cui la maggior parte degli utenti si lamenta. Per questo, tra i nuovi prodotti che lanceremo, ci saranno anche delle mappe per geolocalizzare le fermate. Anche dal lato delle aziende la piattaforma offre il vantaggio, una volta caricati i propri dati, di cominciare a vendere biglietti on line entro 30 minuti, quando adesso possono perdere clienti per il solo fatto di non essere conosciute”, avverte.

Nato come meta-motore di ricerca, GoEuro aveva già attuato la sua trasformazione in piattaforma multimodale integrando sul sito le prenotazioni della maggior parte dei trasporti via terra, mentre per le prenotazioni aeree gli utenti venivano precedentemente reindirizzati su siti terzi. Ora, con l’integrazione dei voli, GoEuro apre la strada a prodotti unici end-to-end. Integrando on-site le prenotazioni dei voli operati da centinaia di compagnie aeree, ora gli utenti potranno acquistare i loro biglietti aerei direttamente su GoEuro e comparare le diverse opzioni di viaggio con altre modalità di trasporto in un’unica piattaforma.

L’altra grande novità annunciata è l’ingresso nel mercato dei traghetti, ora presenti sulla piattaforma insieme a treni, autobus e voli: un ulteriore passo avanti verso l’unificazione dei viaggi in tutto il continente europeo. Un settore, quello dei traghetti, ancora ‘giovane’ quando si parla di online. Così, GoEuro, entrando in questo mercato, raccoglie una duplice sfida: da un lato, migliorare l’esperienza di prenotazione dei consumatori; dall’altro, fornire supporto agli operatori di traghetti nella vendita online.

Con un focus sul Mediterraneo, GoEuro ha testato inizialmente il nuovo prodotto in Italia. Sulla piattaforma sono già prenotabili diverse tratte, come Amalfi-Positano e Napoli-Ischia, operate da Snav e Travelmar. La versione beta sarà ampliata a nuove destinazioni e a nuovi mercati nel corso del 2019. A lungo termine, GoEuro si pone l’obiettivo di connettere le tratte in traghetto con le altre fasi del viaggio effettuate con mezzi di trasporto diversi, offrendo così ai suoi clienti la possibilità di effettuare vere e proprie prenotazioni end-to-end.

C’è poi la nuova immagine aziendale, ideata internamente dal team guidato dall’italiano Ignazio Moresco, che affonda le proprie radici nel mondo dei viaggi guardando a un futuro migliore, dove le prenotazioni saranno sempre più mobile, accessibili e semplici. Il design vuole trasmettere, infatti, serenità e rassicurare l’utente, riducendo la confusione e lo stress spesso legati alla pianificazione e alla prenotazione dei viaggi. Inoltre, la nuova brand identity è finalizzata a supportare la crescita e le innovazioni di GoEuro in programma per il futuro.

Gli elementi chiave del nuovo brand sono: una nuova palette di colori, più tenue e rassicurante per un mondo, quello dei viaggi, solitamente molto stressante; una serie di illustrazioni originali che mostrano come il viaggio possa essere bello tanto quanto la destinazione di arrivo; maggiori informazioni e chiarezza su elementi che spesso generano confusione, come la durata del viaggio, i servizi aggiuntivi e i transfer, per consentire agli utenti di avere tutto sotto controllo; un nuovo logo, con nuovi colori e font, al quale è stato aggiunto un punto che simboleggia l’apertura al mondo.

Come spiega Ignazio Moresco, Head of Design di GoEuro, “siamo entusiasti di svelare il nuovo look del brand ed estremamente fieri del lavoro che è stato fatto per realizzarlo: il nuovo design riflette la necessità di fornire al consumatore un prodotto che risponda alle sue esigenze nel momento della pianificazione e prenotazione del viaggio, in maniera fresca e intuitiva”.

“I cambiamenti che stiamo annunciando oggi, dal nuovo straordinario brand fino all’integrazione di nuove modalità di trasporto, rappresentano un momento chiave per GoEuro – ribadisce il Ceo e fondatore, Naren Shaam – e un significativo passo avanti per offrire un’esperienza più completa a milioni di utenti. Vogliamo consentire ai viaggiatori di effettuare le loro prenotazioni in maniera semplice e senza interruzioni, qualunque sia la destinazione e il mezzo di trasporto usato”.

“Ci stiamo avvicinando sempre di più – aggiunge – a quella che è la nostra visione del futuro dei viaggi: la possibilità di trovare in un unico luogo più modalità di trasporto e di ricevere biglietti in formato mobile, rendendo allo stesso tempo l’esperienza di prenotazione più piacevole e semplice. La nostra nuova brand identity è stata pensata per avere una buona risonanza presso i nostri consumatori e, allo stesso tempo, per ribadire il nostro impegno a rendere i viaggi più semplici”.

E Naren Shaam lancia una nuova sfida: “Dobbiamo educare gli utenti a non stampare più i biglietti per sentirsi più ‘sicuri’, ma a fare tutto on line. E’ una sfida culturale, che richiede tempo e la nostra piattaforma in questo rappresenta un’opportunità unica”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background