Global compact, i possibili scenari  

Scritto da il 29 novembre 2018

Global compact, i possibili scenari

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 30/11/2018 06:58

Il Global compact per le migrazioni “è sepolto”, a meno di non rischiare “la crisi di governo“. Lo dicono all’AdnKronos fonti parlamentari della Lega, secondo cui la calendarizzazione al 22 dicembre del voto della mozione di Fratelli d’Italia contro il Patto dell’Onu “è solo un modo per fare contenti tutti”, dopo che il vicepremier Matteo Salvini aveva fatto sapere che l’Italia non sarebbe andata alla conferenza di Marrakech il 10 e 11 dicembre in assenza di un voto del Parlamento.

Già il fatto che il voto si tenga dopo la Conferenza è indicativo della volontà di governo e Parlamento di seppellire il Global compact, per quanto tecnicamente l’Italia avrebbe ancora il tempo per farlo. Voto che, stando a sentire le fonti della Lega, in realtà potrebbe non tenersi mai: “Il 22 dicembre ci saranno ancora le votazioni sulla legge di bilancio, si rinvierebbe al 7 gennaio, quando ci sarà il Milleproroghe, di rinvio in rinvio il voto non ci sarà mai“.

A meno che non si voglia rischiare la caduta del governo. “In Parlamento una maggioranza contraria al Global compact esiste. O il M5s si adegua alla Lega – avvertono le fonti, sottolineando come il gruppo vicino al presidente della Camera Roberto Fico non lo farebbe mai – o nasce una nuova maggioranza de facto, con pezzi del centrodestra e alcuni grillini che voterebbero insieme ai leghisti, ma a quel punto cadrebbe il governo”.

D’altro canto, ha sottolineato Salvini in queste ore, “quando approvi un decreto che mette regole normali e dignitose sul tema dell’immigrazione difficilmente dieci giorni dopo puoi firmare un accordo che mette nello stesso pentolone immigrati irregolari, profughi e rifugiati”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background