Di Maio e la ‘manina’ del padre, l’ultimo sketch di Crozza  

Scritto da il 30 novembre 2018

“Domattina vado dal prefetto a denunciare la manina ignota che ha fatto lavorare in nero gli operai nell’azienda di mio padre”. Maurizio Crozza, durante l’ultima puntata di ‘Fratelli di Crozza’ in onda tutti i venerdì sul Nove, porta sul palco il ministro del Lavoro Luigi Di Maio. “Il mio turno era di 8 ore ma 7 e mezzo buone me le mangiavo per fare il cappello col giornale”, dice il ‘vicepremier’, ricordando i tempi in cui lavorava come operaio nell’impresa del padre. Poi, facendo riferimento alla querela arrivata a Repubblica con il nome del padre del direttore del quotidiano, Crozza/Di Maio aggiunge ironico: “Se questo Luigi Aldo Moro Calabresi ha fatto lavorare in nero dei calabresi io prendo le distanze da suo padre…Aldo”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background