L’ecotassa sulle auto divide il governo  

Scritto da il 5 dicembre 2018

Dietrofront sull'ecotassa per le auto

(Fotogramma)

Pubblicato il: 06/12/2018 13:13

Marcia indietro sull’ecotassa per le auto a benzina e diesel, contenuta in un emendamento del governo alla legge di Bilancio approvato ieri. Matteo Salvini si è detto questa mattina contrario alla misura che ha l’obiettivo di favorire le auto elettriche. Mentre Luigi Di Maio ha chiarito che non ci sarà nessuna nuova tassa per le auto già in circolazione, precisando che chi ha un Euro3 o qualsiasi altra macchina non pagherà un centesimo in più.

SALVINI– Ospite di ‘Mattino 5’, il ministro dell’Interno ha spiegato che la proposta di modifica, che ora passerà al Senato e poi tornerà alla Camera, “si può cambiare“. Salvini, intervenendo a Radio Anch’io, si è detto “assolutamente contrario a ogni ipotesi di nuova tassa su un bene in Italia già iper tassato come l’auto”. “Benissimo a bonus per chi vuole cambiare ma non credo – ha aggiunto – che ci sia qualcuno che ha un Euro3 diesel per il gusto di avere una macchina vecchia. Ce l’ha – ha osservata – perché non ha soldi per comprarsi una macchina nuova”.

DI MAIO – Di Maio in un intervento pubblicato sul Blog delle Stelle e su Facebook ha chiarito innanzitutto che non ci sarà nessuna nuova tassa per le auto in circolazione. “Chi ha un Euro3 o qualsiasi altra macchina – ha spiegato – non pagherà un centesimo in più. Abbiamo pensato una norma – ha continuato – per aiutare chi decide di comprare un’auto ibrida, elettrica o a metano. Visto che – ha osservato – i livelli di inquinamento, soprattutto al Nord, sono spaventosi, perché non premiare chi decide di comprare un’auto nuova meno inquinante, dandogli un incentivo fino a 6000 euro? Questa è l’idea della norma pensata dal governo, che disincentiva chi sceglie un’auto più inquinante”.

Di Maio ha detto di capire “le preoccupazioni di costruttori e dei cittadini che magari vorrebbero comprare un’auto ecologica, ma non se lo possono permettere perché costa di più”. “Per questo la norma – ha sottolineato – va migliorata subito per non penalizzare nessuno, in particolare chi ha bisogno di acquistare un’utilitaria. Infatti il 60% dei modelli per cui è previsto un incentivo sono diesel: Punto diesel, Panda diesel, Clio diesel, Golf diesel, Megane diesel, Polo diesel, Classe A diesel. Per questo motivo – ha annunciato Di Maio – ho deciso di convocare un tavolo tecnico al Ministero dello Sviluppo economico, per migliorare gli incentivi per l’auto elettrica, ibrida e a metano, con i costruttori, a partire da FCA, e con le associazioni dei consumatori. Insieme – ha concluso – troveremo la soluzione giusta per centrare due obiettivi: proteggere noi e i nostri figli dall’inquinamento, senza pesare sul portafogli”.

LE PROTESTE – Metalmeccanici e concessionari auto, con Fim Fiom, Uilm e Federauto si sono schierati subito insieme contro la misura dicendosi preoccupati dall’impatto che un meccanismo di bonus-malus così architettato possa avere sull’economia del Paese e sull’occupazione di un settore già esposto agli alti e bassi della crescita. Anche la Cgia di Mestre ha espresso un secco no all’ipotesi di una ulteriore tassazione sulle nuove auto a benzina e diesel. ”Già oggi in Italia sul settore dell’auto grava un carico fiscale di oltre 70 miliardi di euro all’anno – ha dichiarato Paolo Zabeo della Cgia – un record negativo che nessun altro Paese ci invidia”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background