Manovra, ok Camera a fiducia  

Scritto da il 6 dicembre 2018

Manovra, ok Camera a fiducia

(Afp)

Pubblicato il: 07/12/2018 20:47

Il governo ha ottenuto con 330 voti a favore, 219 contrari e un astenuto la fiducia sull’articolo 1 della manovra. Il presidente di turno Maria Edera Spadoni ha sospeso la seduta fino alle 21 per consentire al Comitato dei nove di esprimere i pareri sugli emendamenti (una quarantina) sugli articoli dal 2 al 19 che costituiscono il testo del provvedimento.

LE NOVITA’ – Nel primo passaggio parlamentare del ddl bilancio sono state apportate piccole modifiche, intorno alle quali si è aperto un dibattito quasi esclusivamente politico. Ultima tra tutte è l’introduzione dell’ecotassa sulle auto inquinanti, che la Lega dice di voler togliere ma che piace tanto al Movimento 5 stelle. Poi c’è stato il caso di Radio radicale, con un emendamento che la commissione Bilancio ha ‘dimenticato’ di votare e che è stato inserito quanto il testo era già arrivato in aula.

Proteste hanno accompagnato anche la norma che esclude dalla carta famiglia gli extracomunitari; sulla misura è intervenuto anche il Servizio studi della Camera che ha sollevato dubbi sulla costituzionalità della norma. Delle misure principali, il reddito di cittadinanza e riforma delle pensioni, si parlerà al Senato.

La maggioranza è ancora al lavoro per trovare un accordo con Bruxelles sulla spesa in deficit, necessaria per finanziare i cavalli di battaglia delle due componenti del governo. Nel frattempo alla Camera è stato possibile inserire solo la misura che prevede l’assunzione di 4.000 unità per i centri per l’impiego (strumento di supporto al reddito di cittadinanza).

INCONTRO CONTE-JUNCKER – Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte “hanno parlato al telefono martedì e hanno concordato di rimanere in contatto. Il dialogo continua e probabilmente ci sarà un incontro” tra i due “la settimana prossima” per parlare della manovra, “ma in questa fase nulla è confermato. Per questo non è nell’agenda del presidente, ma vi informeremo se cambierà qualcosa”. Lo dice Mina Andreeva, vice portavoce capo della Commissione, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

Allo stato, posto che si tenga, non è ancora chiaro quando sarà l’incontro, se martedì o mercoledì, né dove: nel primo caso sarebbe a Strasburgo, come anticipato dal premier in un’intervista all’Adnkronos; nel secondo a Bruxelles, dove giovedì e venerdì si terrà il Consiglio Europeo, il vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background