Oltre 10mila persone all’Isola della Sostenibilità 2018  

Scritto da il 6 dicembre 2018

Oltre 10mila persone all'Isola della Sostenibilità 2018

Pubblicato il: 07/12/2018 19:22

Grande successo di pubblico, soprattutto di ragazzi, per Isola della Sostenibilità 2018 che chiude oggi i battenti a Roma. Circa 10,000 persone hanno affollato la tre giorni interamente dedicata ai temi della sostenibilità economica e ambientale con laboratori didattici, talk, spettacoli e percorsi espositivi. Ricercatori e istituzioni si sono messi in gioco per promuovere, divulgare e educare le giovani generazioni che riceveranno in eredità un pianeta in profonda trasformazione.

A chiudere Isola della Sostenibilità è stato un video messaggio del presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani rivolto ai tanti ragazzi che hanno partecipato all’evento, in particolare ai partecipanti del concorso Cambia_Menti, Upgrade Ur Mind. “Abbiamo un solo pianeta e dobbiamo agire urgentemente per salvarlo” ha spiegato Tajani. “Voi ragazzi – ha proseguito- dovete diventare i veri protagonisti del cambiamento”.

“E’ stata una tre giorni in cui abbiamo segnato numeri straordinari – ha commentato Valerio Giannubilo, organizzatore di Isola della Sostenibilità- una presenza altissima di ragazzi vogliosi di imparare e confrontarsi. Quello che abbiamo fatto qui deve servire a noi ma soprattutto ai ragazzi perché possano capire la complessità del nostro pianeta e l’importanza di preservarne la ricchezza”.

La tre giorni dell’Isola della Sostenibilità si è aperta con la partecipazione di alcune delle istituzioni che hanno promosso l’evento, tra cui Lorenzo Fioramonti, Vice Ministro all’Istruzione, Università e Ricerca (Miur), che ha voluto sottolineare come “lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici dovrebbero essere parte integrante di ogni discussione economica”. “E’ fondamentale educare i ragazzi alle idee di un nuovo modello di sviluppo – ha aggiunto – capire che l’attenzione all’ambiente non è una rinuncia al progresso ma un miglioramento. Dobbiamo imparare a riconnetterci con la natura che ci circonda”.

In migliaia hanno affollato lo Spazio Italia, una sezione interamente dedicata all’avventura dell’esplorazione spaziale targata Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Un’area per comprendere l’importanza dello studio della Terra dallo Spazio, in particolare attraverso i dati raccolti dai satelliti Cosmo-SkyMed, la vita nello Spazio a bordo della Iss e le recenti missioni degli astronauti italiani.

Laboratori didattici, talk, spettacoli e conferenze sono stati organizzati dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, in particolare con ricercatori provenienti dall’Istituto sull’Inquinamento atmosferico, l’Istituto di biometeorologia, l’Istituto di ingegneria del mare, l’Istituto di scienze marine e l’Istituto per la sintesi organica e la fotoreattività, dal Crea, con ricercatori dei centri Alimenti e Nutrizione, Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura e Orticoltura e Florovivaismo, da Enea, in particolare con le ultime novità in materia di “urban farming” e orti spaziali, nuovi materiali per l’edilizia sostenibile, soluzioni per spiagge più ecologiche e tecnologie innovative per la ricerca sul clima, da Ispra, e dall’Università di Roma Tre.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Prossimo Articolo

Aumenta il debito  


Thumbnail

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background