Nissan, incriminato l’ex presidente Ghosn  

Pubblicato da in data 9 Dicembre 2018

Nissan, incriminato l'ex presidente Ghosn

(Foto Afp)

Pubblicato il: 10/12/2018 10:31

Il pubblico ministero giapponese ha formalizzato oggi l’incriminazione dell’ex presidente di Nissan Carlos Ghosn, per il suo assistente Greg Kelly e lo stesso gruppo automobilistico per presunte violazioni in tema di compensi e di altri illeciti finanziari per un periodo di almeno 5 anni, fino al 2014. Ghosn è stato arrestato il 19 novembre scorso ed è detenuto in un centro penitenziario a nord di Tokyo. Lo stesso giorno è stato arrestato anche Kelly. I pubblici ministeri di Tokyo hanno accusato Carlos Ghosn di aver falsificato il suo reddito per anni, ha riferito la Nikkei Asian Review.

Ghosn e Kelly sono stati arrestati con il sospetto di aver dichiarato compensi inferiori per un totale di 5 miliardi di yen, ovvero 44 milioni di dollari in cinque anni, fino all’anno fiscale conclusosi a marzo 2015. Il rapporto dice che i procuratori di Tokyo hanno anche arrestato Ghosn e Kelly per sospetto di aver violato le leggi finanziarie, denunciando il risarcimento di Ghosn per altri 4 miliardi di yen per tre anni fino a marzo 2018. Il compenso totale di Ghosn, che include il compenso differito che non ha riportato nelle relazioni annuali dell’azienda, è aumentato di anno in anno, secondo persone che hanno familiarità con la questione. Per ciascuno degli esercizi chiusi a marzo 2017 e marzo 2018, il suo compenso è stato di circa 2,4 miliardi di yen. Ghosn ha spiegato che riflette la quantità di lavoro svolto.

Nel frattempo, la Securities and Exchange Surveillance Commission giapponese ha chiesto ai pubblici ministeri di Tokyo di procedere nei confronti di Ghosn, Kelly e Nissan per aver violato la legge finanziaria falsificando le relazioni annuali. La Securities and Exchange Surveillance Commission ha riferito che Ghosn e Kelly avrebbero presentato false relazioni annuali che non includevano un totale di circa 5 miliardi di yen di compensi per Ghosn per cinque anni dal 2011 al 2015. Ghosn e Kelly negano le accuse, il che significa che probabilmente andranno in tribunale se saranno incriminati. Se il tribunale approva, Ghosn può essere arrestato per altri 20 giorni per l’indagine, il che potrebbe attirare nuove critiche sulla sua prolungata incarcerazione.

Secondo il rapporto, Ghosn ha rinviato la parte della sua compensazione a partire dall’anno fiscale conclusosi nel marzo 2010, quando la divulgazione individuale della retribuzione dei dirigenti è diventata obbligatoria, e ha impedito che fosse inclusa nella relazione annuale di Nissan. La retribuzione totale, compresa la retribuzione differita, era inferiore a 2 miliardi di yen all’anno dal 2010 fiscale al 2012, ma è stata successivamente aumentata è sarebbe stata pari a 2,4 miliardi di yen nel 2017 e il 2018. Anche il divario tra lo stipendio totale e l’importo riportato nella relazione annuale è aumentato. Nell’esercizio 2018, l’importo dichiarato era di 735 milioni di yen, mentre i pagamenti differiti non registrati ammontavano a 1,6 miliardi di yen.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background