“A rischio dichiarazioni Isee 2019”, l’allarme dei Caf  

Scritto da il 11 dicembre 2018

A rischio dichiarazioni Isee 2019, l'allarme dei Caf

(Fotogramma)

Pubblicato il: 12/12/2018 16:43

Le dichiarazioni Isee 2019 sono a rischio. A lanciare l’allarme i Caf, che lamentano una “incongruenza tra la mole di lavoro” di cui si potrebbero ulteriormente fare carico in seguito alle nuove misure introdotte in manovra e “l’insufficiente copertura finanziaria che già quest’anno non riuscirà a coprire interamente i costi vivi, essendo decaduto il finanziamento aggiuntivo del ministero del Lavoro, valido solo per il 2018″. Da qui la “richiesta urgente” dell’apertura di un tavolo di confronto sul rinnovo della convenzione rivolta al presidente dell’Inps, Tito Boeri, e per suo tramite ai ministeri del Lavoro e dell’Economia.

“Ad oggi – si legge in una nota della Consulta nazionale dei Caf – i Caf non hanno alcuna certezza rispetto all’attività Isee 2019 che avrà un ulteriore significativo incremento in termini numerici e di complessità per effetto delle diverse misure che il governo e il Parlamento intenderebbero adottare”.

“I Caf – spiegano i due coordinatori della Consulta nazionale dei Caf, Massimo Bagnoli e Mauro Soldini – possono essere gli sportelli dello Stato sul territorio, grazie alla stretta vicinanza e al rapporto fiduciario instaurato negli anni con i cittadini, a tutto vantaggio della pubblica amministrazione che può contare su una rete esistente, capillare e dotata di professionalità e competenze consolidate”. “La fornitura di eventuali nuovi servizi da parte dei Caf – sottolineano Bagnoli e Soldini – rende tuttavia necessario il recupero delle risorse economiche per l’Isee data l’insufficienza di copertura economica, (a meno di rifinanziamenti) sulle risorse dell’Inps e del ministero del Lavoro”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background