David di Donatello, cambia tutto 

Pubblicato da in data 11 Dicembre 2018

David di Donatello, cambia tutto

(Fotogramma)

Pubblicato il: 12/12/2018 15:08

Nuova giuria, nuovo sistema di voto, nuove modalità di ammissione dei film con la candidabilità anche di titoli usciti per pochi giorni in sala e migrati velocemente sulle piattaforme on demand come Netflix e Amazon e un nuovo premio, il David dello Spettatore, che andrà al film italiano che ha totalizzato il maggior numero di spettatori nell’anno. Il David di Donatello varà la ‘rivoluzione Detassis’. Una rivoluzione all’insegna del motto: “Il cinema vota il cinema”.

Piera Detassis, nuovo presidente e direttore artistico, d’accordo con il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano composto da Francesco Rutelli, Carlo Fontana, Nicola Borrelli, Francesca Cima, Luigi Lonigro, Mario Lorini, Domenico Dinoia, Edoardo De Angelis, Francesco Ranieri Martinotti, Giancarlo Leon, ha varato una consistente riforma del regolamento, affrontando con decisione alcune annose questioni come quella della giuria diventata negli anni decisamente pletorica e popolata di personalità non sempre attinenti alla materia cinematografica o culturale. “Il Consiglio mi ha dato ampio mandato e quindi tutte le colpe sono mie”, ha scherzato Detassis illustrando stamattina a Roma quella che ha definito “l’edizione del cambiamento”, aggiungendo ironicamente: “ogni riferimento all’attualità politica è puramente casuale”

Tra le novità annunciate per la 64ma edizione dei Premi David di Donatello, la cui cerimonia di premiazione si terrà il prossimo 27 marzo e verrà trasmessa in diretta su Rai1, anche “un grande evento sul cinema italiano che si svolgerà proprio intorno alla data della premiazione ma ancora in fase di definizione”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background