Boscaiolo in nero muore sul lavoro, “corpo gettato in un dirupo”  

Pubblicato da in data 13 Dicembre 2018

Boscaiolo in nero muore sul lavoro, corpo gettato in un dirupo

(Foto di repertorio/Fotogramma)

Pubblicato il: 14/12/2018 15:23

Il boscaiolo sarebbe stato ingaggiato in ‘nero’ ma il suo datore di lavoro, per dissimulare la morte del giovane avvenuta durante un incidente sul lavoro, avrebbe gettato il suo corpo in una scarpata per farlo sembrare un incidente. E’ questa la conclusione cui sono giunti i carabinieri di Primiero San Martino di Castrozza (Trento), chiamati a indagare sul caso del 28enne di origine moldava trovato morto il 19 novembre scorso, in circostanze poco chiare, nei boschi di Sagron Mis.

Secondo quanto ricostruito dai militari, l’infortunio mortale si sarebbe verificato in un luogo diverso da quello in cui è stato trovato il cadavere. Il titolare dell’azienda boschiva bellunese avrebbe ingaggiato ‘in nero’ il giovane moldavo per prestare la sua manodopera in un cantiere boschivo di Sagron Mis. Durante alcune operazioni, però, l’operaio sarebbe stato colpito da un cavo di acciaio spezzato. A quel punto l’imprenditore, senza nemmeno verificare le condizioni dell’infortunato, avrebbe deciso di trasportare il corpo esanime del boscaiolo ad una distanza di circa 600 metri e di scaricarlo vicino a una scarpata per dissimulare l’accaduto.

Il titolare della ditta avrebbe poi chiamato una guardia boschiva, che ha allertato i soccorsi, affermando di aver casualmente trovato la salma del giovane. L’imprenditore bellunese è stato denunciato per omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e frode processuale.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background