Il j’accuse di Emma Bonino  

Pubblicato da in data 20 Dicembre 2018

Il j'accuse di Emma Bonino

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 21/12/2018 08:54

“Che il Parlamento sia ridotto quasi a una farsa non è un trofeo di cui andare orgogliosi, ma una ferita grave a tutti, alla democrazia e al Paese”. E’ quanto detto ieri da Emma Bonino (+Europa) durante un vibrante intervento sulla manovra economica a palazzo Madama, dove oggi approderà il maxi emendamento del governo. “Ho la forte tentazione di non votare“, ha avvertito la senatrice, e mentre dalla maggioranza qualcuno cominciava a rumoreggiare lei, da antica e appassionata militante radicale, ha detto: “Voi non avete idea di quanto sia grave ciò che sto per fare… Passate come rulli compressori su quelle istituzioni, che un giorno serviranno anche a voi, e che si fondano su un equilibrio tra i vari ruoli”.

E quando il presidente di turno Roberto Calderoli ha richiamato i colleghi al silenzio in modo da lasciar parlare la senatrice, lei ha orgogliosamente rivendicato: “Mi difendo da sola, mi difendo da sola!”, suscitando nuovi applausi, in aggiunta a quelli già riscossi nel corso del suo discorso a braccio. “Kafka vi fa un baffo“, ha sintetizzato, tra l’altro, l’ex ministro degli Esteri, sottolineando il fatto che la Camera ha votato la fiducia su una “manovra farlocca“, mentre la manovra vera “è stata scritta fin nei dettagli dall’Europa, cosa bizzarra per una maggioranza sovranista…”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background