Ultrà forse investito da due auto, l’ipotesi dei pm  

Pubblicato da in data 1 Gennaio 2019

Ultrà forse investito da due auto, l'ipotesi dei pm

(Fotogramma)

Pubblicato il: 02/01/2019 18:45

Daniele Belardinelli, l’ultrà nerazzurro rimasto ucciso negli scontri avvenuti a Milano il 26 dicembre scorso, prima della partita Inter-Napoli, potrebbe essere stato investito da due auto. Questa l’ipotesi al vaglio degli inquirenti e sulla quale il gip Guido Salvini ha cercato di fare chiarezza oggi, durante l’interrogatorio di garanzia di Marco Piovella, il 33enne capo della curva dell’Inter arrestato lo scorso 31 dicembre dopo essere stato indicato da uno dei primi tre arrestati come l’ispiratore del raid contro i tifosi napoletani. “La circostanza “non è emersa certamente oggi”, ha spiegato all’Adnkronos il difensore di Piovella, Mirko Perlino, aggiungendo che ‘il Rosso’ “ha detto di aver visto” sul luogo dell’incidente “due macchine, ma ha ribadito di averne vista soltanto una investire Belardinelli”.

Uscendo dall’Aula, l’avvocato Perlino ha riferito che ‘il Rosso’ “si è avvalso della facoltà di non rispondere in merito all’aggressione”, mentre avrebbe “chiarito alcuni aspetti dell’investimento” che ha causato la morte di Belardinelli. Piovella avrebbe ribadito al gip di non essere l’ispiratore del raid come sostenuto da uno dei primi tre arrestati. “Lui non è assolutamente il capo – ha affermato Perlino – organizza coreografie. Ha partecipato punto e basta”. Proprio per questo il legale si è detto fiducioso: “Siamo in una fase delicata, molto delicata, ma siamo ottimisti”. E, ha concluso, “abbiamo chiesto una modifica della misura cautelare”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background