“Poca acqua a bordo”, l’appello della Sea Eye  

Scritto da il 6 gennaio 2019

Poca acqua a bordo, l'appello della Sea Eye

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 07/01/2019 11:26

E’ sempre più critica la situazione a bordo delle navi delle organizzazioni umanitarie che hanno tratto in salvo i migranti nel Mediterraneo: “Stiamo razionando rigidamente le riserve di acqua“, ha segnalato la Ong Sea Eye, che opera a bordo della “Professor Albrecht Penck” e che ha a bordo 17 migranti – tra cui una donna e due bambini – dal 29 dicembre. I rifugiati, ha quindi sottolineato, dormono da oltre una settimana nell’infermeria e hanno un unico bagno a disposizione. Situazione critica anche a bordo della Sea-Watch 3, battente bandiera olandese e che il 22 dicembre scorso ha salvato 32 migranti.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background